Via Francigena

Categorie
Blog

Cammina con noi

Il gruppo stabile di camminatori dell’evento “Via Francigena. Road to Rome 2021” sarà composto da membri dello staff AEVF, rappresentanti di associazioni locali, giornalisti e blogger. Anche Tu puoi partecipare, con una delle seguenti modalità:

Attenzione: il programma dell’evento potrà essere soggetto a modifiche e/o cancellazioni derivanti dall’emergenza sanitaria legata al Covid-19.

Iscriviti alla Newsletter per ricevere aggiornamenti

Scopri il progetto

Consulta il calendario

Categorie
Blog

Sostieni il progetto

L’evento “Via Francigena. Road to Rome 2021” è organizzato da AEVF assieme a tutti quanti collaborano allo sviluppo della Via. L’evento valorizzerà i principali siti culturali, storici e turistici presenti lungo la Via Francigena

Sostieni il Road to Rome con una (piccola) donazione alla nostra campagna crowdfunding!

Le donazioni raccolte attraverso la campagna di crowdfunding saranno interamente utilizzate per la manutenzione e la promozione della Via Francigena:

  • €1 ogni €10 donati sarà usato per la manutenzione generale del percorso della Francigena, ad esempio per migliorarne la segnaletica, per raccogliere spazzatura e sfoltire la boscaglia, in modo da rendere l’intero sentiero facilmente percorribile per camminatori e ciclisti.
  • Grazie al tuo piccolo ma grande aiuto saremo capaci di promuovere ulteriormente questo importante itinerario culturale.
  • I proventi aggiuntivi verranno usati per creare un breve docufilm dopo l’evento, con lo scopo di promuovere i territori
CLICCA QUI PER FARE UNA DONAZIONE

ULTERIORI INFORMAZIONI SULL’EVENTO E LE TAPPE:
Categorie
news-import

The Pathfinder prosegue il viaggio lungo l’Italia e la via Francigena

Dal faro di Santa Maria di Leuca verso Finisterre: è “The Pathfinder”, il viaggio che attraversa tutta l’Italia – buona parte lungo la Francigena-  sino al confine in Val di Susa, per poi percorrere le strade della Francia e arrivare in Spagna a Santiago de Compostela. Il Cammino terminerà sulla spiaggia di Finisterre.

Dal 14 aprile nel Lazio dopo più 800 km da Santa Maria di Leuca. Il documentario collaborativo The Pathfinder arriva nel reatino dopo aver interconnesso 8 cammini differenti: un viaggio a passo lento, integrando i territori e le storie delle persone.

Più di 3000 km attraversando tutta l’Italia, camminando lungo la Via Francigena, toccando città e paesi di importanza storico/culturale/turistica come Viterbo, Siena, Lucca, Torino. Attraversando gli Appennini, la pianura padana fino a giungere in Piemonte al Colle del Monginevro al confine con la Francia.
 
In Francia cammineranno sul GR653/GR78 che tocca città come: Apt, Montpellier, Carcassonne, fino ad arrivare a Lourdes e infine Sant Jean Pied du Port piccola cittadina ai piedi dei Pirenei e base di partenza del Cammino di Santaigo.
 
In Spagna, infine, attraverso la bellezza del Cammino di Santiago e il suo richiamo mistico attraverseranno città come Pamplona, Burgos, Leon, Sarria per arrivare a Santiago de Compostela entro il 25 luglio, giorno di ricorrenza del Santo patrono nell’anno del suo Giubileo. Da Santiago pochi giorni dopo riprenderà il cammino verso la costa sino ad arrivare a Finisterre.
 
E’ un documentario collaborativo aperto a tutti (anche a persone con disabilità, amici a 4 zampe). La puntata zero era stata realizzata sulle tappe della Via Francigena Radicofani-Bolsena ai primi di luglio 2020 e ha visto la partecipazione di alcuni “camminatori” abituali tra cui l’ideatore del progetto Riccardo Girardi.
  
Prima di arrivare al Monginevro, al confine con la Francia, saranno interconnessi la Via di Francesco, la Via Ghibellina, il Cammino di San Jacopo in Toscana e ovviamente la Via Francigena. Nei prossimi giorni the Pathfinder sarà ospite delle Pro Loco della Valle Santa per visitare i luoghi di san Francesco.

Un prodotto cinematografico documentaristico, ma anche un progetto che mira ad integrare le esperienze e renderle fruibili a tutti. Sul sito web del progetto è aperta la possibilità di scegliere la tappa o le tappe ove camminare con Miriam e Riccardo (misure covid permettendo), i due esploratori che da più di 50 giorni camminano in italia.

Le dirette e i contenuti video sono disponibili sulla pagina web The Pathfinder e sulla pagina Facebook.

Sostengono il progetto gli sponsor tecnici RRTrek il Rifugio Roma insieme a Ferrino e La Sportiva.
Partner tecnici FederTrek, Associazione Europea delle Vie Francigene, Radio Camino de Santiago, Radio Alma-Memento, Il Cammino Materano, Il Cammino di Francesco, Il Cammino di San Benedetto e il Cammino di San Jacopo in Toscana.

Categorie
news

The Pathfinder prosegue il viaggio lungo l’Italia e la via Francigena

Dal faro di Santa Maria di Leuca verso Finisterre: è “The Pathfinder”, il viaggio che attraversa tutta l’Italia – buona parte lungo la Francigena-  sino al confine in Val di Susa, per poi percorrere le strade della Francia e arrivare in Spagna a Santiago de Compostela. Il Cammino terminerà sulla spiaggia di Finisterre.

Dal 14 aprile nel Lazio dopo più 800 km da Santa Maria di Leuca. Il documentario collaborativo The Pathfinder arriva nel reatino dopo aver interconnesso 8 cammini differenti: un viaggio a passo lento, integrando i territori e le storie delle persone.

Più di 3000 km attraversando tutta l’Italia, camminando lungo la Via Francigena, toccando città e paesi di importanza storico/culturale/turistica come Viterbo, Siena, Lucca, Torino. Attraversando gli Appennini, la pianura padana fino a giungere in Piemonte al Colle del Monginevro al confine con la Francia.

In Francia cammineranno sul GR653/GR78 che tocca città come: Apt, Montpellier, Carcassonne, fino ad arrivare a Lourdes e infine Sant Jean Pied du Port piccola cittadina ai piedi dei Pirenei e base di partenza del Cammino di Santaigo.

In Spagna, infine, attraverso la bellezza del Cammino di Santiago e il suo richiamo mistico attraverseranno città come Pamplona, Burgos, Leon, Sarria per arrivare a Santiago de Compostela entro il 25 luglio, giorno di ricorrenza del Santo patrono nell’anno del suo Giubileo. Da Santiago pochi giorni dopo riprenderà il cammino verso la costa sino ad arrivare a Finisterre.

E’ un documentario collaborativo aperto a tutti (anche a persone con disabilità, amici a 4 zampe). La puntata zero era stata realizzata sulle tappe della Via Francigena Radicofani-Bolsena ai primi di luglio 2020 e ha visto la partecipazione di alcuni “camminatori” abituali tra cui l’ideatore del progetto Riccardo Girardi.

Prima di arrivare al Monginevro, al confine con la Francia, saranno interconnessi la Via di Francesco, la Via Ghibellina, il Cammino di San Jacopo in Toscana e ovviamente la Via Francigena. Nei prossimi giorni the Pathfinder sarà ospite delle Pro Loco della Valle Santa per visitare i luoghi di san Francesco.

Un prodotto cinematografico documentaristico, ma anche un progetto che mira ad integrare le esperienze e renderle fruibili a tutti. Sul sito web del progetto è aperta la possibilità di scegliere la tappa o le tappe ove camminare con Miriam e Riccardo (misure covid permettendo), i due esploratori che da più di 50 giorni camminano in italia.

Le dirette e i contenuti video sono disponibili sulla pagina web The Pathfinder e sulla pagina Facebook.

Sostengono il progetto gli sponsor tecnici RRTrek il Rifugio Roma insieme a Ferrino e La Sportiva.
Partner tecnici FederTrek, Associazione Europea delle Vie Francigene, Radio Camino de Santiago, Radio Alma-Memento, Il Cammino Materano, Il Cammino di Francesco, Il Cammino di San Benedetto e il Cammino di San Jacopo in Toscana.

Categorie
news-import

AEVF e Diocesi di Piacenza e Bobbio unite per migliorare l’accoglienza pellegrina

Firmata l’intesa che si pone l’obiettivo di accrescere l’offerta dell’accoglienza lungo il cammino, sottolineandone la sua vocazione spirituale.

L’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) ha l’obiettivo di riunire e coordinare tutti i soggetti coinvolti, ad ogni titolo, nello sviluppo, valorizzazione e comunicazione degli itinerari francigeni, anche al fine di promuovere la conoscenza e la valorizzazione dei luoghi e dei percorsi di pellegrinaggio.

Per questo motivo nel 2007 il Consiglio d’Europa ha abilitato l’AEVF “Réseau Porteur” della Via Francigena (dal 1994 certificata “Itinerario culturale del Consiglio d’Europa”), ossia organismo ufficiale incaricato per la valorizzazione e lo sviluppo dell’Itinerario lungo i suoi 3.200 Km da Canterbury a Roma, a Santa Maria di Leuca, attraverso cinque Stati e oltre 600 Comuni..

A tal fine AEVF collabora con istituzioni, associazioni e privati per migliorare l’offerta ai pellegrini. Da qui l’accordo, significativo dal punto di vista simbolico e culturale, ma anche operativo, con la Diocesi di Piacenza e Bobbio, che intende affiancarsi all’attività AEVF per garantire la migliore ospitalità sul territorio di competenza, mettendo in luce le eccellenze che la città e il territorio piacentino offrono.

Le azioni saranno condivise con i Comuni lungo il percorso, Provincia, Regione e associazioni del territorio.

La collaborazione riguarderà, nello specifico, le seguenti azioni:

  • Rendere fruibili, per i pellegrini in transito, i luoghi di culto, favorendo l’accoglienza.
  • Promuovere momenti d’approfondimento riguardanti il tema del pellegrinaggio medioevale e la sua attualizzazione legata allo sviluppo dei cammini.
  • Organizzare un servizio di timbratura delle credenziali dei pellegrini e di vendita delle stesse a quanti ne facciano richiesta.
  • Registrazione dei dati dei pellegrini che timbrano o acquistano la credenziale.
  • Diffondere materiale informativo riguardante la Via Francigena e il territorio di Piacenza.

Per AEVF stanno collaborando alle iniziative previste Sami Tawfik, Responsabile Progetti AEVF e Fabio Tamburnotti, rappresentante AEVF per il territorio di Piacenza. Il presidente Tedeschi ha affermato “Ritengo l’accordo sottoscritto con mons. Cevolotto, che ringrazio, molto importante per l’intero itinerario europeo. La Via Francigena è un progetto inclusivo che nasce dalla riscoperta dei pellegrinaggi medievali di cui mantiene una forte impronta. Si tratta di un Itinerario laico, è vero, ma la cui radice religiosa ed il valore spirituale sono molto forti. Formulo l’auspicio che l’accordo possa essere di esempio anche per altre realtà e Diocesi lungo il Cammino, per accrescere e qualificare il sistema dell’accoglienza pellegrina, essendo le Vie Francigene cammini connotati anche da tale forte vocazione spirituale”.

Mons. Cevolotto “la nostra diocesi aderisce volentieri all’accordo di collaborazione proposto da AEVF in coerenza con la tradizione che ci appartiene e che lega il nostro territorio a quello dei “cammini di fede”. Oltre alla Via Francigena che trova a Piacenza uno snodo fondamentale, a Bobbio giunge la Via degli Abati e il cammino di San Colombano, da sempre percorsi dai pellegrini che dal nord Europa e diretti a Roma, sceglievano come itinerari utili a venerare le spoglie dei Santi. Intorno a questi cammini la Chiesa ha organizzato strutture di accoglienza per il ristoro spirituale e materiale. Questa è la vocazione che ancor oggi la nostra diocesi vuole salvaguardare e che attraverso la firma di questo protocollo intende rendere manifesta attraverso segni concreti”.

Categorie
news

AEVF e Diocesi di Piacenza e Bobbio unite per migliorare l’accoglienza pellegrina

Firmata l’intesa che si pone l’obiettivo di accrescere l’offerta dell’accoglienza lungo il cammino, sottolineandone la sua vocazione spirituale.

L’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) ha l’obiettivo di riunire e coordinare tutti i soggetti coinvolti, ad ogni titolo, nello sviluppo, valorizzazione e comunicazione degli itinerari francigeni, anche al fine di promuovere la conoscenza e la valorizzazione dei luoghi e dei percorsi di pellegrinaggio.

Per questo motivo nel 2007 il Consiglio d’Europa ha abilitato l’AEVF “Réseau Porteur” della Via Francigena (dal 1994 certificata “Itinerario culturale del Consiglio d’Europa”), ossia organismo ufficiale incaricato per la valorizzazione e lo sviluppo dell’Itinerario lungo i suoi 3.200 Km da Canterbury a Roma, a Santa Maria di Leuca, attraverso cinque Stati e oltre 600 Comuni..

A tal fine AEVF collabora con istituzioni, associazioni e privati per migliorare l’offerta ai pellegrini. Da qui l’accordo, significativo dal punto di vista simbolico e culturale, ma anche operativo, con la Diocesi di Piacenza e Bobbio, che intende affiancarsi all’attività AEVF per garantire la migliore ospitalità sul territorio di competenza, mettendo in luce le eccellenze che la città e il territorio piacentino offrono.

Le azioni saranno condivise con i Comuni lungo il percorso, Provincia, Regione e associazioni del territorio.

La collaborazione riguarderà, nello specifico, le seguenti azioni:

  • Rendere fruibili, per i pellegrini in transito, i luoghi di culto, favorendo l’accoglienza.
  • Promuovere momenti d’approfondimento riguardanti il tema del pellegrinaggio medioevale e la sua attualizzazione legata allo sviluppo dei cammini.
  • Organizzare un servizio di timbratura delle credenziali dei pellegrini e di vendita delle stesse a quanti ne facciano richiesta.
  • Registrazione dei dati dei pellegrini che timbrano o acquistano la credenziale.
  • Diffondere materiale informativo riguardante la Via Francigena e il territorio di Piacenza.

Per AEVF stanno collaborando alle iniziative previste Sami Tawfik, Responsabile Progetti AEVF e Fabio Tamburnotti, rappresentante AEVF per il territorio di Piacenza. Il presidente Tedeschi ha affermato “Ritengo l’accordo sottoscritto con mons. Cevolotto, che ringrazio, molto importante per l’intero itinerario europeo. La Via Francigena è un progetto inclusivo che nasce dalla riscoperta dei pellegrinaggi medievali di cui mantiene una forte impronta. Si tratta di un Itinerario laico, è vero, ma la cui radice religiosa ed il valore spirituale sono molto forti. Formulo l’auspicio che l’accordo possa essere di esempio anche per altre realtà e Diocesi lungo il Cammino, per accrescere e qualificare il sistema dell’accoglienza pellegrina, essendo le Vie Francigene cammini connotati anche da tale forte vocazione spirituale”.

Mons. Cevolotto “la nostra diocesi aderisce volentieri all’accordo di collaborazione proposto da AEVF in coerenza con la tradizione che ci appartiene e che lega il nostro territorio a quello dei “cammini di fede”. Oltre alla Via Francigena che trova a Piacenza uno snodo fondamentale, a Bobbio giunge la Via degli Abati e il cammino di San Colombano, da sempre percorsi dai pellegrini che dal nord Europa e diretti a Roma, sceglievano come itinerari utili a venerare le spoglie dei Santi. Intorno a questi cammini la Chiesa ha organizzato strutture di accoglienza per il ristoro spirituale e materiale. Questa è la vocazione che ancor oggi la nostra diocesi vuole salvaguardare e che attraverso la firma di questo protocollo intende rendere manifesta attraverso segni concreti”.

Categorie
news

Il Road to Rome si farà: arriva l’ok dall’Assemblea Generale AEVF

Confermata la partenza a metà giugno della marcia che celebra i vent’anni dell’Associazione Europea della Vie Francigene, è arrivato il via libera dei soci.

Il 30 marzo scorso l’assemblea generale AEVF ha deliberato la conferma della grande marcia “Via Francigena – road to Rome 2021. Start again!”. L’assemblea è stata molto partecipata e la conferma è avvenuta con grande entusiasmo, pur nella consapevolezza che la pandemia non è finita.

La marcia prenderà avvio mercoledì 16 giugno con una piccola cerimonia, simbolicamente importante, a Canterbury accanto alla pietra del “km 0” della Via Francigena. Il gruppo dei camminatori con il bordone del pellegrino, sarà il 17 giugno a Calais, nel nord della Francia, dove in questa occasione verrà inaugurato dall’amministrazione comunale il “roseto della Via Francigena”.

Si percorrerà, in parte anche in bicicletta, il tratto francese della Via Francigena facendo una giornata di pausa ad Arras (27 giugno), Reims (5 luglio), Champlitte, sede AEVF (14 luglio, festa nazionale francese), Besançon (18 luglio). Venerdì 23 luglio, dopo aver attraversato il massiccio franco-elvetico del Jura si arriverà ad Orbe, in Svizzera (Canton Vaud). Da lì, in otto tappe verrà percorso il tratto svizzero per giungere al passo del Gran San Bernardo (il punto più alto della Via Francigena, m 2473 s.l.m.) dove è prevista una pausa sabato 31 luglio. Il 1° agosto (festa nazionale svizzera) inizierà il cammino lungo il tratto italiano che il 10 settembre porterà i gruppo dei camminatori a Roma e il 18 ottobre a Santa Maria di Leuca.  L’evento si svolgerà nel massimo rispetto delle norme anti covid-19 e seguirà le disposizioni sanitarie dei Paesi attraversati.

Chi sarà in cammino con AEVF durante questi 127 giorni e 3.200km?

Cammineranno sempre alcuni rappresentati dello staff AEVF, in particolare Myra Stals che in questi quattro mesi sul cammino sarà la camminatrice (e ciclista) Social Media Manager ufficiale del viaggio. Myra è già molto conosciuta nel mondo della francigena, soprattutto in Italia, dove lo scorso anno ha percorso in bicicletta il tratto Torino – Santa Maria di Leuca all’interno del progetto Cycle to Recycle.

Con lei cammineranno anche alcuni videomaker per realizzare immagini e riprese che si ha l’ambizione di trasformare in un documentario sulla Via Francigena. Un ruolo importante lo avranno le associazioni che in ogni tappa saranno presenti con un loro rappresentante locale, così come è prevista la partecipazione delle amministrazioni comunali e dei partner coinvolti.

E’ stata lanciata una call per coinvolgere anche influencer e blogger che vorranno unirsi al cammino. L’auspicio è quello di avere una buona partecipazione di camminatori su scala locale nelle singole tappe, ma anche in questo caso la situazione potrà essere valutata in base all’evoluzione del covid. Tutti gli aggiornamenti saranno comunicati nella pagina dell’evento.

La marcia si propone di:

  1. Ripartire dopo il periodo di pandemia valorizzando il turismo sostenibile, culturale, responsabile della Via Francigena e dei cammini in Europa.
  2. Sensibilizzare i Governi nazionali e regionali e le istituzioni religiose affinché la Via Francigena venga sempre più valorizzato come importante esempio e mezzo di turismo e di sviluppo sostenibile.
  3. Verificare lo stato del percorso, mettendo in luce eccellenze ed eventuali carenze e proponendo miglioramenti, anche in ottica della valorizzazione turistica dei singoli tratti regionali.
  4. Sostenere la candidatura della Via Francigena a Patrimonio UNESCO

DOCUMENTI  E PAGINE UTILI: 

Categorie
news-fr-import

Road to Rome est confirmé: approuvé lors de l’Assemblée Générale de l’AEVF

Départ confirmé mi-juin pour la marche célébrant le vingtième anniversaire de l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena, le feu vert des membres est arrivé.

Le 30 mars, l’Assemblée générale de l’AEVF a approuvé la grande marche “Via Francigena – Road to Rome 2021″. Start again !”. L’assemblée a été très bien suivie et la confirmation s’est déroulée avec beaucoup d’enthousiasme, tout en ayant conscience que la pandémie n’est pas terminée.

La marche débutera le mercredi 16 juin avec l’organisation d’une petite cérémonie, symboliquement importante, à Canterbury, près de la pierre du “km zéro” de la Via Francigena. Le groupe de marcheurs avec le bâton de pèlerin arrivera le 17 juin à Calais, dans le nord de la France, où, à cette occasion, la “roseraie de la Via Francigena” sera inaugurée par l’administration municipale.

Les pèlerins parcourront, en partie à vélo, le tronçon français de la Via Francigena, avec une journée de repos à Arras (27 juin), Reims (5 juillet), Champlitte, siège de l’AEVF (14 juillet, jour férié français), Besançon (18 juillet). Le vendredi 23 juillet, après avoir traversé le massif du Jura franco-suisse, il arrivera à Orbe, en Suisse (Canton de Vaud). De là, la section suisse sera parcourue en huit étapes pour atteindre le col du Grand-Saint-Bernard (le point culminant de la Via Francigena, 2473 mètres d’altitude) où une pause sera organisée le samedi 31 juillet. Le 1er août (jour de la fête nationale suisse) commencera la marche le long du tronçon italien, qui conduira le groupe de marcheurs à Rome le 10 septembre et à Santa Maria di Leuca le 18 octobre.  L’événement se déroulera dans le plus grand respect des normes anti covid-19 et suivra les dispositions sanitaires des pays traversés.

Qui va marcher avec l’AEVF pendant ces 127 jours et 3 200 km ?

Il y aura toujours quelques représentants du personnel de l’AEVF, en particulier Myra Stals, marcheuse et cycliste, en tant que responsable officielle des réseaux sociaux du voyage pendant ces quatre mois sur le chemin. Myra est déjà très connue dans le monde de la Via Francigena, surtout en Italie, où l’année dernière elle a parcouru à vélo le tronçon Turin – Santa Maria di Leuca dans le cadre du projet Cycle to Recycle.

Avec elle marcheront aussi quelques vidéastes pour réaliser des images et des plans que nous avons l’ambition de transformer en un documentaire sur la Via Francigena. Un rôle important sera joué par les associations qui seront présentes avec un représentant local à chaque étape, ainsi que la participation des municipalités et des partenaires impliqués.

Un appel à candidature a été lancé pour impliquer les influenceurs et les blogueurs qui souhaitent rejoindre le voyage. L’espoir est d’avoir une bonne participation des marcheurs à l’échelle locale pour chaque étapes, mais aussi dans ce cas la situation peut être évaluée en fonction de l’évolution du covid. Toutes les mises à jour seront communiquées sur la page de l’événement.

La marche vise à :

  1. Redémarrer après la période de pandémie en valorisant le tourisme durable, culturel et responsable de la Via Francigena et des chemins en Europe.
  2. Sensibiliser les Autorités nationales et régionales et les institutions religieuses afin que la Via Francigena soit de plus en plus appréciée comme un exemple et un moyen important de tourisme et de développement durable.
  3. Vérifier l’état de l’itinéraire, en mettant en évidence les points forts et les éventuelles lacunes et en proposant des améliorations, également en vue de la valorisation touristique des tronçons régionaux uniques.
  4. Soutenir la candidature de la Via Francigena comme Patrimoine Mondial de l’UNESCO.

 

DOCUMENTS ET PAGES UTILES :

Toutes les informations sur Road to Rome ici

Consultez la feuille de route en cliquant ici

Consultez la brochure du projet en cliquant ici

Télécharger le dossier de presse

Découvrez comment devenir un partenaire du projet

Categorie
news-en-import

“Road to Rome” will take place, confirms the EAVF General Assembly

The march, celebrating the European Association of Via Francigena ways’ 20th anniversary, received a green light from members and departure has been confirmed for mid-June.

The past 30th of March, EAVF’s General Assembly deliberated the confirmation of the great march “Via Francigena – road to Rome 2021. Start again!”. The highly participated Assembly confirmed the event with enthusiasm, yet with awareness that the pandemic is not over.

The march will start on Wednesday 16th of June with a small ceremony, symbolically very important, in Canterbury, next to the “km 0” stone of the Via Francigena. On the 17th of June, the group of walkers transporting the pilgrim stick (https://www.viefrancigene.org/it/resource/news/road-rome-2021-pronto-il-bordone-del-pellegrino/) will be in Calais, in the very north of France, where, for the occasion, the municipal administration will open its “Via Francigena rose garden”.

The French section of the Via Francigena will then be crossed, by foot and partly by bicycle, with resting days in Arras (27th of June), Reims (5th of July), Champlitte, French headquarters of EAVF (14th of July, French national holiday) and Besançon (18th of July). Friday 23rd of July, once traversed the Franco-Swiss Jura massif, the group will arrive in Orbe, Switzerland (Canton Vaud). From there, the Swiss section will be crossed in eight stages, finally reaching the Great Saint Bernard pass (the highest point of the Via Francigena, at an elevation of 2473m), where the group will take a day to rest on Saturday 31st of July. On the 1st of August (Swiss national holiday), the march along the Italian section will start, leading the group of walkers to Rome on the 10th of September and to Santa Maria di Leuca on the 18th of October. The event will evolve in due respect of anti-covid-19 norms and will shape around sanitary rules in place in the single countries it crosses.

Who will walk with EAVF during these 127 day and 3,200km?

Some representatives of EAVF’s team will always be on their feet, in particular Myra Stals, official walker and Social Media Manager of the trip, who will walk (and cycle) for all four months of the journey. Myra is well-known in the Francigena environment, especially in Italy, where, last year, she cycled from Turin to Santa Maria di Leuca (https://www.viefrancigene.org/it/resource/news/bicicletta-ambiente-plastica-rifiuti-raccoltafondi/ ) with her project Cycle to Recycle.

Walking with her, a few video-makers will collect images and shootings with the ambition of creating a documentary on the Francigena route. Another important role is held by associations, which will join the group at single stages with local representatives; referents of municipal administrations and involved partners will also be participating.

On top of this, a call for influencers and bloggers who want to join the march has been launched (https://www.viefrancigene.org/it/resource/news/invito-di-partecipazione-influencer-blogger-e-cont/). The hope is to involve many participants locally and between stages, once again in full respect of the evolving covid-19 situation. All updates will be available on the page of the event.

The march aims at:

  • Restarting after the pandemic period, by valorizing the sustainable, cultural and responsible tourism of the Via Francigena and all European walking routes.
  • Sensitizing regional and national governments and religious institutions, in order to provide increasing value to the Via Francigena as a crucial example and driver for the sustainable development of tourism.
  • Verifying the conditions of the path, highlighting best practices and possible weak points along the entire route, and suggesting improvements in light of the added value it can provide for tourism in single regional stretches.
  • Supporting the application of the Via Francigena to the UNESCO World Heritage list.

 

Find detailed information here:

https://www.viefrancigene.org/it/road-to-rome/

The roadmap schedule is available here:

https://www.viefrancigene.org/static/uploads/rtr_calendario_31_03_2021(1)(1).pdf

You can consult the project brochure here:

https://www.viefrancigene.org/static/uploads/min_it_rtr_brochure.pdf

Download the Press kit:

https://www.viefrancigene.org/static/uploads/min_it_rtr_press_kit.pdf

Find out who the project partners are:

https://www.viefrancigene.org/it/Road-to-Rome/Partner/

Categorie
news-import

Il Road to Rome si farà: arriva l’ok dall’Assemblea Generale AEVF

Confermata la partenza a metà giugno della marcia che celebra i vent’anni dell’Associazione Europea della Vie Francigene, è arrivato il via libera dei soci.

 

Il 30 marzo scorso l’assemblea generale AEVF ha deliberato la conferma della grande marcia “Via Francigena – road to Rome 2021. Start again!”. L’assemblea è stata molto partecipata e la conferma è avvenuta con grande entusiasmo, pur nella consapevolezza che la pandemia non è finita.

La marcia prenderà avvio mercoledì 16 giugno con una piccola cerimonia, simbolicamente importante, a Canterbury accanto alla pietra del “km 0” della Via Francigena. Il gruppo dei camminatori con il bordone del pellegrino, sarà il 17 giugno a Calais, nel nord della Francia, dove in questa occasione verrà inaugurato dall’amministrazione comunale il “roseto della Via Francigena”.

Si percorrerà, in parte anche in bicicletta, il tratto francese della Via Francigena facendo una giornata di pausa ad Arras (27 giugno), Reims (5 luglio), Champlitte, sede AEVF (14 luglio, festa nazionale francese), Besançon (18 luglio). Venerdì 23 luglio, dopo aver attraversato il massiccio franco-elvetico del Jura si arriverà ad Orbe, in Svizzera (Canton Vaud). Da lì, in otto tappe verrà percorso il tratto svizzero per giungere al passo del Gran San Bernardo (il punto più alto della Via Francigena, m 2473 s.l.m.) dove è prevista una pausa sabato 31 luglio. Il 1° agosto (festa nazionale svizzera) inizierà il cammino lungo il tratto italiano che il 10 settembre porterà i gruppo dei camminatori a Roma e il 18 ottobre a Santa Maria di Leuca.  L’evento si svolgerà nel massimo rispetto delle norme anti covid-19 e seguirà le disposizioni sanitarie dei Paesi attraversati.

Chi sarà in cammino con AEVF durante questi 127 giorni e 3.200km?

Cammineranno sempre alcuni rappresentati dello staff AEVF, in particolare Myra Stals che in questi quattro mesi sul cammino sarà la camminatrice (e ciclista) Social Media Manager ufficiale del viaggio. Myra è già molto conosciuta nel mondo della francigena, soprattutto in Italia, dove lo scorso anno ha percorso in bicicletta il tratto Torino – Santa Maria di Leuca all’interno del progetto Cycle to Recycle.

Con lei cammineranno anche alcuni videomaker per realizzare immagini e riprese che si ha l’ambizione di trasformare in un documentario sulla Via Francigena. Un ruolo importante lo avranno le associazioni che in ogni tappa saranno presenti con un loro rappresentante locale, così come è prevista la partecipazione delle amministrazioni comunali e dei partner coinvolti.

E’ stata lanciata una call per coinvolgere anche influencer e blogger che vorranno unirsi al cammino. L’auspicio è quello di avere una buona partecipazione di camminatori su scala locale nelle singole tappe, ma anche in questo caso la situazione potrà essere valutata in base all’evoluzione del covid. Tutti gli aggiornamenti saranno comunicati nella pagina dell’evento.

La marcia si propone di:

  1. Ripartire dopo il periodo di pandemia valorizzando il turismo sostenibile, culturale, responsabile della Via Francigena e dei cammini in Europa.
  2. Sensibilizzare i Governi nazionali e regionali e le istituzioni religiose affinché la Via Francigena venga sempre più valorizzato come importante esempio e mezzo di turismo e di sviluppo sostenibile.
  3. Verificare lo stato del percorso, mettendo in luce eccellenze ed eventuali carenze e proponendo miglioramenti, anche in ottica della valorizzazione turistica dei singoli tratti regionali.
  4. Sostenere la candidatura della Via Francigena a Patrimonio UNESCO 

 

DOCUMENTI  E PAGINE UTILI: