Categorie
news-fr-import

Convention de partenariat entre l’AEVF et la FFVF

L’Association Européenne des chemins de la Via Francigena (AEVF) et la Fédération Française de la Via Francigena (FFVF) se sont engagées sur une convention de partenariat pour la promotion et l’animation du tronçon français de la Via Francigena.

Ce partenariat entre ces deux structures complémentaires a pour enjeu de travailler plus efficacement au développement de la Via Francigena sur la partie française de l’itinéraire européen labéllisé GR®145.

Chacune des deux structures contribue à promouvoir la Via Francigena au profit des institutions locales et des randonneurs et pèlerins, ainsi qu’à faciliter leur cheminement sur l’itinéraire en leur fournissant les renseignements nécessaires. Cette année les deux associations travaillent notamment ensemble pour préparer l’évènement « Via Francigena Road to Rome 2021. Start again ! » à l’occasion des 20 ans de l’AEVF. Ils mutualisent également leurs forces pour la promotion et la souscription du beau livre « Francigena, Paroles de pèlerins » écrit par l’écrivaine photographe Céline Anaya Gautier qui a réalisé également une belle exposition photographique sur la Via Francigena.

 

La FFVF regroupant plus de 3700 bénévoles, assure la coordination des Associations Pèlerines Françaises sur 39 départements : celles présentes sur le tracé français de la Via Francigena, mais aussi celles souhaitant aider les pèlerins des autres régions à rejoindre ce grand itinéraire culturel européen. Ainsi depuis 2007, avec ses associations pèlerines, la FFVF aide et accueille les marcheurs-pèlerins sur le tracé de la Via Francigena, à travers les Hauts de France, le Grand-Est, la Bourgogne Franche-Comté, mais elle développe et entretient aussi diverses voies de raccordements pour permettre aux marcheurs-pèlerins de rejoindre la VF depuis leurs portes : citons l’Ile-de-France, la Lorraine, l’Alsace, la Bretagne, ou d’autres régions plus au sud de la France, comme Rhône-Alpes et Provence-Alpes-Côte d’Azur, qui guident les pèlerins vers la Suisse et l’Italie.

Le site de la FFVF : www.ffvf.fr

Categorie
news-import

In cammino con la Federazione Francese della Via Francigena

AEVF e la FFVF al lavoro insieme per promuovere e animare il tratto francese della Via Francigena.

L’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) e la Federazione Francese della Via Francigena (FFVF) hanno firmato  un accordo di partenariato per la promozione e l’animazione del tratto francese della Via Francigena. Una partnership che mette in rete queste due associazioni complementari con l’obiettivo di lavorare insieme sullo sviluppo della Via Francigena nella parte francese (GR®145).

Le due associazioni operano al servizio delle istituzioni locali e dei pellegrini, fornendo un supporto tecnico e funzionale sul tratto francese del cammino. Quest’anno l’AEVF e la FFVF stanno già lavorando insieme in particolare per preparare l’evento della “Via Francigena Road to Rome 2021. Start again!”, in occasione del 20 ° anniversario AEVF. Le forze sono unite anche per promuovere il libro “Francigena, Parole di pellegrini” realizzato dalla scrittrice e fotografa Céline Anaya Gautier, oltre che per realizzare una mostra fotografica itinerante sulla Via Francigena.

La FFVF è composta da oltre 3.700 volontari e si occupa del coordinamento delle Associazioni Francesi di Pellegrini in 39 dipartimenti, non solo quelli presenti sul percorso francese della Via Francigena. Dal 2007, la FFVF aiuta e accoglie i camminatori-pellegrini sul percorso della Via Francigena nei territori Hauts de France, Grand-Est, Borgogna e Franca Contea. E’ inoltre impegnata a sviluppare e mantenere anche vari percorsi di collegamento per consentire ai camminatori-pellegrini di unirsi alla VF dai loro territori: citiamo ad esempio Ile-de-France, Lorena, Alsazia, Bretagna o altre regioni più a sud della Francia, come Rhône-Alpes e Provence-Alpes-Costa Azzurra

Il sito FFVF: www.ffvf.fr

Categorie
news-en-import

Walking with the French Federation of the Via Francigena

EAVF and FFVF are working together to animate and promote the French section of the Via Francigena.

The European Association of Via Francigena ways (EAVF) and the French Federation of the Via Francigena (FFVF) signed a partnership agreement to animate and promote the French section of the route. Such a partnership builds a network between two complementary associations, with the objective of developing together the Via in France (GR®145).

Both associations work at the service of local institutions and pilgrims, providing technical and functional support to the French section of the route. In particular, EAVF and FFVF are already co-working, this year, to prepare the event “Via Francigena Road to Rome 2021. Start again!”, celebrating EAVF’s 20th anniversary. They have also joined forces to promote the book “Francigena, Word of Pilgrims”, created by writer and photographer Céline Anaya Gautier, and to accomplish an itinerant photographic exhibition along the Via Francigena.

The FFVF is composed of over 3,700 volunteers and takes care of coordination between French Pilgrims’ Associations in 39 departments – not only the ones directly on the French section of the Via Francigena. Since 2007, FFVF helps and welcomes walkers-pilgrims on the road of the Via Francigena in the territories of Hauts de France, Grand-Est, Burgundy and Franche-Comté. It also commits to the development and maintenance of connecting routes, to allow walkers-pilgrims to inflow on the VF from their territories: for example, from Ile-de-France, Lorraine, Alsace, Brittany and other regions further South, such as Rhône-Alpes and Provence-Alpes-Cote d’Azur.

FFVF’s website: www.ffvf.fr

Categorie
news-fr-import

L’AEVF promeut la conférence “Relancer le Tourisme Européen à travers la Culture, le Patrimoine et la Créativité”

La conférence “Relancer le tourisme européen par la culture, le patrimoine et la créativité”, qui se tiendra les 21 et 22 octobre 2021 à Athènes, en Grèce, est organisée par le Réseau européen du tourisme culturel (ECTN) avec le soutien d’Europa Nostra, de la Commission européenne du tourisme, du Réseau des régions européennes pour un tourisme compétitif et durable (NECSTouR) et la contribution de l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena (AEVF).
La conférence abordera les dernières tendances en matière de culture, de patrimoine et de tourisme durable, notamment l’innovation, la numérisation, la créativité et le développement de produits touristiques culturels. L’accent sera mis sur le rôle important de la culture, du patrimoine et de la créativité dans la régénération du tourisme européen après la crise de la pandémie de 2020-21.

Le thème du tourisme de randonnée pédestre, promu par l’AEVF, sera l’un des 6 thèmes principaux de l’événement.

L’événement établit le concours “Destination de tourisme culturel durable 2021”, qui comprend une catégorie “Tourisme pédestre et Slow Travel – Synergies avec le tourisme culturel”, gérée par l’AEVF.

Comment postuler ?

Le formulaire de candidature et la déclaration requise peuvent être téléchargés en format Word sur le site web :

www.culturaltourism-network.eu/award-2021.html

Le formulaire de demande et la déclaration doivent être envoyés ensemble par courrier électronique à awards@culturaltourism-net.eu avant le 1er juin 2021.

Conférenciers recherchés !

L’appel aux orateurs est disponible sur ce lien. Les candidats sont invités à présenter des expériences pertinentes, à partager leurs meilleures pratiques et à fournir des exemples détaillés et des recommandations concrètes pour préserver, restaurer, diffuser et promouvoir les valeurs culturelles et patrimoniales, avec des éléments innovants pour le développement d’un tourisme durable et responsable. La régénération du secteur européen du tourisme est un thème prioritaire de l’édition 2021 de la conférence.

L’objectif est d’organiser l’événement sur place à Athènes, mais, en fonction de la situation sanitaire, il pourrait être organisé sous forme d’événement hybride avec une présence physique réduite à Athènes et un service de streaming numérique pour la participation en ligne.

Pour plus d’informations : http://www.culturaltourism-network.eu/conference-2021.html

Categorie
news-en-import

EAVF supports the conference “Regenerating European Tourism through Culture, Heritage and Creativity”

Taking place on 21-22 October 2021 in Athens, Greece, the conference “Regenerating European Tourism through Culture, Heritage and Creativity” is organised by European Cultural Tourism Network (ECTN) with support of the Europa Nostra, European Travel Commission, the Network of European Regions for Competitive and Sustainable Tourism (NECSTouR) with support of the European Association of the Via Francigena ways (EAVF).

The conference will discuss the latest trends in the field of culture, heritage and sustainable tourism, including innovation, digitalisation, creativity and cultural tourism product development. The emphasis will be on the important role of culture, heritage and creativity in regenerating the European tourism, following the pandemic crisis in 2020 and 2021.

Walking tourism theme, supported by the EAVF is included as one of 6 main topics of this event.

The event will host an award “Destination of Sustainable Cultural Tourism 2021”, which features a category “Walking Tourism and Slow Travel – Synergies with Cultural Tourism”, hosted by the EAVF.

How to apply to the award?
The application form and the required declaration can be downloaded in Word format from the website:
www.culturaltourism-network.eu/award-2021.html. The Application form and the Declaration together should be sent by e-mail to  awards@culturaltourism-net.eu by 1 June 2021.
 
Call for Presenters

The call for presenters can be found following this link. Presenters are invited to showcase relevant experience, share their best practices, give detailed examples and provide practical recommendations to preserving, restoring, deploying and promoting culture and heritage values, with innovations for sustainable and responsible tourism development. The regeneration of European tourism sector is of particular interest in the 2021 Conference.

The event is aimed to be conducted onsite in Athens, however, depending on the sanitary situation it might be held as a hybrid event with limited physical presence in Athens and digital streaming facilities for online participation.

​​ More information: http://www.culturaltourism-network.eu/conference-2021.html

Categorie
news-import

AEVF promuove la conferenza “Rigenerare il Turismo Europeo attraverso la Cultura, il Patrimonio e la Creatività”

La conferenza “Rigenerare il Turismo Europeo attraverso la Cultura, il Patrimonio e la Creatività”, che si terrà il 21 e 22 ottobre 2021 ad Atene, in Grecia, è organizzata dall’European Cultural Tourism Network (ECTN) con il supporto di Europa Nostra, dell’European Travel Commission, del Network of European Regions for Competitive and Sustainable Tourism (NECSTouR) e il contributo dell’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF).

La conferenza affronterà le ultime tendenze nel campo della cultura, del patrimonio e del turismo sostenibile, comprese l’innovazione, la digitalizzazione, la creatività e lo sviluppo di prodotti di turismo culturale. Verrà posta enfasi sull’importante ruolo della cultura, del patrimonio e della creatività nel rigenerare il turismo europeo a seguito della crisi pandemica del 2020-21.

Il tema del turismo a piedi, promosso dall’AEVF, sarà uno dei 6 temi principali dell’evento.

L’evento istituisce il concorso “Destinazione turismo culturale sostenibile 2021”, che prevede una categoria “Turismo a piedi e Viaggio Lento – Sinergie con il Turismo Culturale”, gestita dall’AEVF.

Come candidarsi?
Il modulo di domanda e la dichiarazione richiesta possono essere scaricati in formato Word dal sito web:

www.culturaltourism-network.eu/award-2021.html.

Il modulo di domanda e ladichiarazione devono essere inviati insieme tramite e-mail all’indirizzo awards@culturaltourism-net.eu entro il 1° giugno 2021.

Relatori Cercasi!

Il bando per i relatori è disponibile a questo link. I candidati sono invitati a presentare esperienze rilevanti, condividere le loro migliori pratiche e fornire esempi dettagliati e raccomandazioni concrete per preservare, ripristinare, diffondere e promuovere i valori culturali e patrimoniali, con elementi innovativi per uno sviluppo turistico sostenibile e responsabile. La rigenerazione del settore turistico europeo è una tematica prioritaria nell’edizione 2021 della Conferenza.

L’obiettivo è quello di condurre l’evento in loco ad Atene, tuttavia, a seconda della situazione sanitaria, potrebbe essere organizzato come un evento ibrido con una ridotta presenza fisica ad Atene e un servizio di streaming digitale per la partecipazione online.

Per ulteriori informazioni: http://www.culturaltourism-network.eu/conference-2021.html

Categorie
news-fr-import

7 ans d’accréditation ERASMUS+: l’AEVF guide la formation professionnelle

Après avoir remporté deux appels ERASMUS + en 2019 et 2020 (pour un total de 170 jeunes participants), l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena a obtenu la Charte de la Mobilité  VET (Vocational Education and Training) ERAMSUS+.
Cette Charte permet de recevoir un financement annuel et continu pour les 7 prochaines années du programme ERASMUS+ sur l’axe K1 dans le domaine de l’enseignement et de la formation professionnelle (EFP). L’un des objectifs d’ERASMUS+ est d’accroître la qualité de la mobilité dans l’EFP et de soutenir l’internationalisation des organisations actives dans le domaine de l’EFP.

L’objectif de la Charte de la mobilité est d’encourager les organisations qui ont fait leurs preuves dans l’organisation d’activités de mobilité de qualité dans l’EFP pour les étudiants et le personnel, à développer davantage leurs stratégies d‘internationalisation européenne.

Plus d’informations ici : http://www.erasmusplus.it/formazione/risultati/

Categorie
news-en-import

7-year accreditation of the ERASMUS+: EAVF leading the vocation training

After having won two ERASMUS+ calls in 2019 and 2020 (with overall 170 young people participating), the European Association of the Via Francigena ways was granted the VET ERAMSUS mobility card.

This card allows to receive annual and continuous funding for the next 7 years of the ERASMUS+ programme on the axis K01 in the field of vocational education and training.

One of the objectives of Erasmus + is to increase the quality of mobility in vocational education and training (VET) and to support the internationalization of organizations active in the VET field.

The objective of the Mobility Card is to encourage organizations that have a proven track record in organizing quality mobility activities in vocational education and training for learners and staff to further develop their internationalization strategies European.

More information here http://www.erasmusplus.it/formazione/risultati/

Categorie
news-import

7 anni di accreditamento ERASMUS +: AEVF guida la formazione professionale

Dopo aver vinto due bandi ERASMUS + nel 2019 e nel 2020 (per un totale di 170 giovani partecipanti), l’Associazione Europea delle Vie Francigene ha ottenuto la Carta della Mobilità VET (Vocational Education and Training) ERAMSUS+.

Questa carta permette di ricevere finanziamenti annuali e continui per i prossimi 7 anni del programma ERASMUS + sull’asse K01 nel campo dell’Istruzione e Formazione Professionale (IFP). Uno degli obiettivi dell’Erasmus + consiste nell’aumentare la qualità della mobilità nell’Istruzione e Formazione Professionale e nel sostenere l’internazionalizzazione delle organizzazioni attive nel campo dell’IFP.

L’obiettivo della Carta della Mobilità è incoraggiare le organizzazioni che hanno una comprovata esperienza nell’organizzazione di attività di mobilità di qualità nell’ambito dell’Istruzione e Formazione Professionale per studenti e personale, a sviluppare ulteriormente le loro strategie di internazionalizzazione europea.

Maggiori informazioni qui: http://www.erasmusplus.it/formazione/risultati/

Categorie
news

BUON VENTESIMO COMPLEANNO, AEVF! UNA BELLA STORIA!

Il 7 aprile 2001 è stata fondata a Fidenza l’Associazione dei comuni italiani lungo la Via Francigena, diventata poi nel 2005 Associazione Europee delle Vie Francigene. Si celebra oggi un traguardo prestigioso, cioè i vent’anni di questa associazione nata dal basso, su base volontaria, che continua a mettere in rete comuni e regioniassociazioni locali e appassionati, operatori culturali e categorie economiche, il mondo della ricerca.  Ne parliamo con il Presidente Massimo Tedeschi che ha avuto l’intuizione e la lungimiranza di mettere insieme un network internazionale oggi più che mai vivo e in grande fermento, sia nei territori attraversati dal cammino, sia nei territori limitrofi.

1) Partiamo dalla storia. Quali sono state le motivazioni che hanno spinto Massimo Tedeschi, allora Sindaco di Fidenza, a fondare il 7 aprile 2001 una rete di comuni, inizialmente nel tratto italiano, sulla Via Francigena? Rimane la convinzione di aver fatto una cosa buona?

R. La motivazione si fondava, allora come oggi, su quello che definirei orgoglio europeo, cioè sulla fierezza di far parte di una comunità, l’Europa, che oggi, certo dopo un lungo percorso nella storia, è arrivata a rappresentare al meglio nel mondo i valori umanistici (democrazia politica, diritti civili, diritti umani, dialogo interculturale, tolleranza), in gran parte poi trasfusi nel Trattato di Londra (città non a caso capitale del Paese culla del pensiero liberale) che ha istituito il 5 maggio 1949 il Consiglio d’Europa. Il Regno Unito è uscito dall’Unione Europea ma non dal Consiglio d’Europa, e così pure la Svizzera continua a farne regolarmente parte (dal 1963).

Tornando al 7 aprile 2001, ricordo che quando fui eletto sindaco (1991) alcuni appassionati, pochissimi, della mia città, Fidenza, e della mia provincia cominciarono a parlarmi di Via Francigena; tema allora sconosciuto alla totalità delle persone. Tuttavia, con l’ottenimento nel 1994 della certificazione di “Itinerario culturale del Consiglio d’Europa” ed in previsione del grande Giubileo del 2000, il benefico assillo di quei pionieri aumentò. Ebbi poi la fortuna di incontrare l’insigne storico francese del Medioevo Jacques Le Goff (1924-2014). Una prima volta in visita al Duomo il 21 maggio 1998 e una seconda volta, il 21 ottobre 2000, per il conferimento, in un teatro comunale stracolmo – uno dei momenti più belli del mio mandato – della cittadinanza onoraria della città. Sei mesi dopo, il 7 aprile 2001, appunto, con i rappresentanti dei 34 Enti locali, allora solo italiani, che accolsero il mio invito (sui 150 invitati) fondammo l’associazione. A vent’anni di distanza la convinzione di aver avuto un’ottima idea non è cambiata, anzi, è cresciuta.

2) Quali sono i principali risultati che questa associazione ha raggiunto e i principali momenti storici vissuti fino dopo vent’anni di lavoro? Aderiscono oggi ad AEVF 193 comuni, 70 associazioni, oltre 400 operatori privati.

R. Il principale risultato raggiunto in 20 anni di attività è il duplice beneficio, culturale ed economico, che il progetto della Via Francigena, portando migliaia di persone da tutto il mondo a camminare su di essa, ha prodotto nelle piccole comunità disseminate lungo i duemila chilometri del tracciato, ed anche nei dintorni (i chilometri sono divenuti tremila dal 2019 allorquando la certificazione di “Itinerario culturale del Consiglio d’Europa” è stata estesa al sud Italia, da Roma a Santa Maria di Leuca).

Quando parlo di beneficio economico penso al fatto che, considerate la durata media e la spesa media giornaliera di una persona in cammino, si registra una ricaduta economica di diverse decine di milioni di euro proprio su quei territori in gran parte esclusi dai circuiti turistici.

Quando parlo di beneficio culturale penso all’interscambio e all’arricchimento immateriale che avviene fra le persone quando si incontrano, cioè fra coloro che camminano e gli abitanti dei paesi e delle campagne attraversati: si parlano tutte le lingue, ci si conosce, si ammira l’eccellenza dei vari stili di architettura, si gustano cibi semplici e prelibati, ci si scambia numeri di telefono, ci si dà appuntamento per nuovi incontri.

A quattro anni dalla fondazione, nel 2005, aderì all’associazione il primo comune non italiano, la prestigiosa città di Canterbury, il cui leader allora era Harry Craig; seguì nel 2010 il distretto intercomunale del Basso-Vallese, primo ente svizzero, grazie all’impulso del compianto abate Joseph Roduit (1939-2015) di Saint-Maurice e nel 2016 il primo comune francese, Bucey-les-Gy (solo 600 abitanti, nella regione Borgogna-Franca-Contea), grazie alla lungimiranza dell’allora sindaco Emile Ney, che oggi collabora con noi. Sottolineo l’importanza dell’adesione alla rete, oltre che di 193 Enti locali e 70 associazioni amiche, anche di 400 piccoli imprenditori che forniscono servizi di ospitalità e di ristorazione ai pellegrini. E la rete è in continuo aumento.

3) La pandemia ancora in corso ha sicuramente avuto un forte impatto anche su tutto il sistema del turismo e della fruizione del patrimonio. La Via Francigena, i cammini e l’outdoor sono tuttavia settori destinati a crescere nei prossimi anni proprio grazie alla loro dimensione rurale, di contatto con la natura e di sostenibilità. Può davvero continuare crescere questo segmento legato agli Itinerari culturali e vie di pellegrinaggio?

R. La pandemia ci ha fatto capire, con brutalità, l’enorme importanza del turismo come forma di scambio e di conoscenza e quindi di tutela del patrimonio e di sviluppo culturale ed economico. La Via Francigena e la famiglia degli Itinerari culturali europei possono dare un grande contributo alla ripartenza post-pandemia perché consentono un’esperienza naturale e sociale, di cui la gente sente oggi un bisogno quasi spasmodico, in condizioni sanitarie sicure.

4) Il Cammino di Santiago è stato riconosciuto Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa nel 1987, 7 anni prima della Via Francigena. Anche in termini numerici, il divario tra i due cammini è grande. Cosa manca ancora alla Via Francigena per raggiungere maggiore popolarità internazionale e consolidare la propria identità?

R. Il numero dei frequentatori del Cammino di Santiago è una cifra a cinque zeri, quello dei frequentatori della Via Francigena è una cifra a 4 zeri. Il divario è dovuto al fatto che il governoe la chiesadi Spagna hanno puntato sul Cammino senza disperdere investimenti in mille rivoli. Così facendo sono riusciti a creare una “narrazione” che, attraverso il cinema e la letteratura, ha assunto una reputazione di assoluto rilievo nell’opinione pubblica mondiale.

Un tale investimento culturale e finanziario sulla Via (romea) Francigena non c’è stato, né in Italia né negli altri Paesi attraversati. Si può anche in parte comprendere. A Roma, ad esempio, arrivavano milioni di pellegrini da tutto il mondo e non era quindi facile per le autorità civili e religiose del Paese e della città porre attenzione alle poche migliaia di pellegrini che vi giungevano a piedi lungo la Via romea Francigena.

Tuttavia io penso che, superata la pandemia, il tema si porrà: come dar forza al sistema arterioso delle vie romee affinchè, a sua volta, possa dar sangue all’intero sistema venoso dei cammini – e non vada sprecato – e come riservare un’accoglienza “speciale” a chi arriva a Roma dopo aver percorso a piedi centinaia di chilometri.

5) Dopo 20 anni, AEVF ha deciso di celebrare questo evento storico con una lunga camminata-evento da Canterbury a Santa Maria di Leuca, coinvolgendo tutti i 657 comuni attraversati. Una sfida molto grande, quasi una anticipazione del Giubileo! Come procede l’organizzazione di una iniziativa culturale così grande?

R. Il 30 marzo scorso l’assemblea generale dell’associazione ha deciso di confermare la grande marcia del ventennale “Via Francigena. Road to Rome 2021. Start again!”la cui organizzazione ci sta fortemente impegnando ma che sta riscontrando ovunque grande entusiasmo e collaborazione. Hai ragione: questa marcia è il nostro Giubileo. Partenza il 16 giugno da Canterbury (dove le regole sanitarie consentiranno solo una cerimonia simbolica da parte degli amici inglesi), il 17 giugno da Calais, il 23 luglio arriveremo a Orbe e il 1° agosto entreremo in Italia dal passo del Gran San Bernardo. Il 10 settembre arriveremo a Roma e il 18 ottobre a Santa Maria di Leuca, la nostra Finisterrae.

Questa grande marcia non è una semplice iniziativa, seppur complessa; si tratta di un fatto complesso e profondo perché ci mette tutti in gioco, cioè in cammino, anche fisicamente, e quindi il 18 ottobre, dopo 4 mesi, quando giungeremo a Santa Maria di Leuca saremo cambiati. Avremo messo in pratica i principi della Via Francigena, che ricordavo: l’incontro fra persone di paesi, lingue e storie differenti; il dialogo; lo scambio di idee e di esperienze; il cammino, per chi lo vorrà. Arriveremo quindi cambiati, e migliori, di questo sono convinto.

Intervista di Luca Bruschi, Direttore AEVF