Categorie
news-import

Bando per la qualificazione di imprese turistiche ricettive

Il GAL del Ducato (Parma e Piacenza) ha prorogato i termini per la presentazione delle domande di sostegno per il Bando B.2.6 “Qualificazione delle imprese turistiche ricettive” al 31 luglio 2020.

 

Il bando suìi rivolge alle aree GAL che coinvolgono il tratto parmense e piacentino della Via Francigena e numerosi altri cammini, come la Via degli Abati, la Via dei Linari, il Sentiero del Tidone, il Cammino di San Colombano, la Via Marchesana, la Prosecuzione itinerario Alta Via dei Parchi in territorio parmense e piacentino, la Ciclovia del Ducato: Itinerario cicloturistico dei Parchi e dei Castelli, la Via dei Remi, la Via dei Longobardi, la Via dell’Olio e del Pane.

C’è ancora un mese di tempo per le imprese operanti nei settori Ristorazione e Alloggio per presentare domanda a questo bando che punta a migliorare la qualità dell’offerta ricettiva e dei servizi turistici per incrementare l’attrattività e la fruizione del territorio.

Soggetti ammissibili:

  • SERVIZI DI ALLOGGIO E RISTORAZIONE: Alberghi, Ostelli della gioventù, Rifugi di montagna, Colonie montane, Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast (purché con partita IVA e registrato alla Camera di Commercio), residence, Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte;
  • ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE: Ristorazione con somministrazione, Bar e altri esercizi simili senza cucina.

Possono candidarsi strutture di tutti i 59 Comuni dell’Area Leader. 

La percentuale di contributo va dal 40 al 60% a seconda della tipologia del beneficiario e del luogo in cui si realizza l’investimento.

Qui sotto il link dove è possibile scaricare direttamente il testo del bando

http://galdelducato.it/proroga-bando-b-2-6-qualificazione-delle-imprese-turistiche-ricettive/  

Categorie
news-fr-import

Coopération avec l’Université de Toulouse

L’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena (AEVF) a signé le protocole de coopération avec l’Institut Supérieur du Tourisme de l’Hôtellerie et de l’Alimentation de l’Université de Toulouse ISTHIA – Jean Jaurès.

Dans le cadre de l’accord, l’AEVF et l’ISTHIA collaboreront au développement de stratégies de tourisme durable pour la Via Francigena et à l’engagement des jeunes dans ce secteur. Les organisations travailleront en étroite collaboration sur des projets mutuellement bénéfiques basés sur la philosophie du slow tourisme et du tourisme durable pour améliorer la section française de l’itinéraire et ainsi soutenir les jeunes diplômés en tourisme.

La collaboration avec l’ISTHIA est d’une importance significative pour l’AEVF car elle représente une opportunité de travail scientifique et de recherche avec l’une des principales institutions académiques du secteur du tourisme en France.

Cette collaboration est également l’un des critères pour renforcer la reconnaissance de l’Itinéraire Culturel du Conseil de l’Europe, qui nécessite une recherche multidisciplinaire constante et un travail avec les jeunes européens. La collaboration avec les étudiants de l’ISTHIA leur permettra d’en savoir plus sur les itinéraires culturels en général et sur la Via Francigena en particulier. Ainsi, grâce à cette collaboration, les étudiants deviendront de jeunes ambassadeurs de la Via Francigena.

L’AEVF collabore avec l’ISTHIA depuis 2018, en axant son étude de recherche sur l’impact de la Via Francigena en France et au-delà.

Dans le cadre du projet, les étudiants ont fourni une analyse de l’impact touristique de la Via Francigena en France, en apportant des idées et des méthodologies innovantes. Deux aspects en particulier ont été au centre de leur analyse : l’impact socio-culturel et économique du parcours en France (900 km) et l’évaluation et l’utilisation du patrimoine culturel le long du chemin.

Le projet a été présenté à l’Académie de formation aux Itinéraires culturels du Conseil de l’Europe en juin 2019, qui a eu lieu à Visby, en Suède.

Categorie
news-en-import

Cooperation with the University of Toulouse

The European Association of the Via Francigena Ways EAVF has signed the Memorandum of Cooperation with the Toulouse School of Tourism, Hospitality Management and Food Studies of the University of Toulouse ISTHIA – Jean Jaures

In the framework of the Memorandum the EAVF and the ISTHIA will work together on development of sustainable tourism strategies for the Via Francigena and on youth engagement. The organizations will closely collaborate on projects of mutual benefits, based on methodology of slow and sustainable tourism to enhance the French stretch of the route and empower young tourism graduates.

The collaboration with the ISTHIA is of significant importance for the EAVF as it presents an opportunity of scientific and research work with one of the leading academic institution in the domain of tourism in France. Such collaboration is also one of the criteria for the Council of Europe Cultural Route label, requiring multidisciplinary research and work with young Europeans. Working together with ISTHIA students will allow them to learn more about the cultural routes in general and the Via Francigena in particular. Thanks to the collaboration the students will become young ambassadors of the Via Francigena.

The EAVF has been cooperating with the ISTHIA since 2018, working together on the research on the impact of the Via Francigena in France and beyond.

In the framework of the project the students produced an analysis of tourism impact of the Via Francigena in France, providing innovative ideas and methodology. Two aspects were at the centre of their analysis: social-cultural and economic impact of the route in France (900km) and assessment and use of cultural heritage along the route. The project was presented at the Council of Europe Cultural Routes Training Academy in June 2019, which took place in Visby, Sweden. 

Categorie
news-import

Cooperazione con l’Università di Tolosa

L’Associazione Europea delle Vie Francigene AEVF ha firmato il Memorandum di cooperazione con la Scuola di Turismo, Hospitality Management e Studi Gastronomici dell’Università di Tolosa ISTHIA – Jean Jaures.

Nel quadro dell’accordo AEVF e l’ISTHIA collaboreranno allo sviluppo di strategie di turismo sostenibile per la Via Francigena e all’impegno dei giovani in questo settore. Le organizzazioni collaboreranno strettamente a progetti basati sulla filosofia del turismo lento e sostenibile per migliorare il tratto francese del percorso e sostenere così i giovani laureati in Turismo.

La collaborazione con l’ISTHIA riveste un’importanza significativa per AEVF in quanto rappresenta un’opportunità di lavoro scientifico e di ricerca con una delle principali istituzioni accademiche nel settore turistico in Francia.

Tale collaborazione è anche uno dei criteri per rafforzare il riconoscimento di Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa, che richiede una costante ricerca multidisciplinare e il lavoro con i giovani europei. La collaborazione con gli studenti ISTHIA consentirà a quest’ultimi di conoscere meglio i percorsi culturali in generale e la Via Francigena in particolare. Così, grazie a questa collaborazione gli studenti diventeranno giovani ambasciatori della Via Francigena.

AEVF collabora con l’ISTHIA dal 2018, incentrando lo studio di ricerca sull’impatto della Via Francigena in Francia e oltre.

Nel quadro del progetto, gli studenti hanno fornito un’analisi dell’impatto turistico legato alla Via Francigena in Francia, fornendo idee e metodologie innovative. Due aspetti in particolare sono stati al centro della loro analisi: l’impatto socio-culturale ed economico del percorso in Francia (900 km) e la valutazione e l’uso del patrimonio culturale lungo il percorso.

Il progetto è stato presentato all’Accademia di formazione degli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa nel giugno 2019, che si è svolta a Visby, in Svezia.

Categorie
news-import

Cinema in cammino, dopo il Covid: Visioni in Movimento riporta la scuola “senza sedie” sulla Via Francigena

Ancora pochi giorni per partecipare alla sesta quinta edizione della residenza artistica itinerante in programma in autunno: le iscrizioni scadono il 29 giugno.

Ci sono ancora pochi giorni per partecipare al bando di selezione di Visioni In Movimento, la scuola di cinema “senza sedie” che offre a giovani autori e film maker una residenza artistica itinerante, in cui imparare a raccontare l’idea del cammino attraverso il cinema. L’Associazione Europea delle Vie Francigene patrocina con molta convinzione questa splendida inziativa che aiuta a promuovere, far conoscere e animare la via Francigena.

Giunta alla sesta edizione, dopo l’inverno trascorso sul Carso triestino, Visioni in Movimento è pronta a tornare in autunno sulla Via Francigena: una partenza che è stata posticipata dall’emergenza Covid-19 (la residenza era prevista per questo mese di maggio appena concluso) ma che, proprio per questo, è ancora più attesa e sentita.

La formula – ormai collaudata – porterà tre autori under 35, provenienti dai paesi europei e dell’area mediterranea e selezionati attraverso un bando internazionale, a trascorrere una settimana in cammino con tutor e professionisti del cinema: il tratto interessato sarà quello della Francigena compreso tra San Miniato (Pisa) e Siena. Da questa esperienza, e dalla successiva fase di produzione, scaturiranno tre corti d’autore della durata massima di 15 minuti.

«La Francigena – racconta il coordinatore Giuseppe Gori Savellini – è la strada che ha visto nascere il nostro progetto di scuola di cinema senza sedie che in pochi anni è arrivato alla sesta edizione. Per questo è qua che ci piace tornare dopo l’esperienza di chiusura dettata dal diffondersi dell’epidemia: è un’occasione per “tornare a casa” e proporre ancora una volta un modo nuovo per raccontare un territorio. Siamo reduci da un’edizione invernale sul Carso triestino bella e ricca di contenuti, abbiamo dovuto rimandare all’estate la proiezione dei film prodotti, ma nel frattempo non siamo rimasti con le mani in mano e abbiamo progettato questa edizione grazie come sempre al Comune di San Gimignano che ci supporta e al contributo del Mibact e di Siae».

«La pandemia in corso – aggiunge Gori Savellini – non solo ci ha fatto riscoprire la necessità dell’aria aperta e dei paesaggi incontaminati, ma ha anche mostrato una possibile via d’uscita per il mondo del cinema e per i set: ci sarà sempre più bisogno di semplicità, di troupe leggere di poche persone. Visioni in Movimento insegna proprio questo ai suoi allievi in residenza, la necessità di lavorare in poche persone, senza mezzi a motore e il più possibile all’aria aperta».

Il bando per candidarsi, come detto, è aperto fino al 29 giugno mentre la partenza è prevista nell’ultima settimana di settembre, a meno di variazioni legate al Covid-19. I candidati dovranno presentare il loro progetto cinematografico, con l’obiettivo di raccontare il loro percorso e i territori che attraversano e, nel contempo, dare una visione contemporanea del cammino, indagando l’eterogeneità delle motivazioni dei camminatori moderni. La versione completa del bando è disponibile all’indirizzo www.visionimovimento.com/prossima-edizione.


IL PROGETTO

“Visioni in Movimento” è un progetto nato nel 2017, ideato e prodotto dall’associazione Culture Attive ed è curato da Giuseppe Gori Savellini e Giulio Kirchmayr. Questa sesta edizione è realizzata grazie al sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali – Direzione Generale Cinema e di SIAE nell’ambito del programma “Per Chi Crea”, con la partecipazione del Comune di San Gimignano, con il patrocinio dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, in partenariato con le associazioni Premio Mattador (Trieste) e Visionaria Fest (Siena) e la collaborazione del Trieste Film Festival – Alpe Adria Cinema e di Doc/It – Associazione documentaristi italiani.

 

PER APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI STAMPA

Giulia Maestrini per IDEM ADV

giulia@idem-adv.it // mob. 339 3601455

Categorie
news-fr-import

Visite la ville de San Gimignano en Toscane

La ville de San Gimignano a traversé des siècles d’histoire enveloppée dans son destin magique.

En cette période, elle montre son vrai visage fascinant et intemporel, un moment exceptionnel pour se plonger dans son atmosphère médiévale unique et magique.

Pour tous les pèlerins de la Via Francigena qui séjourneront à l’hôtel L’Antico Pozzo, nous avons prévu une réduction exclusive de 10 %, disponible au moment de la réservation. Nous vous attendons !

https://www.viefrancigene.org/fr/resource/accomodation/4519/

Categorie
news-import

Visita San Gimignano

San Gimignano ha attraversato secoli di storia avvolta nel suo magico destino.
In questo periodo mostra il suo vero volto di  un fascino senza tempo, un irripetibile momento per immergersi nella sua unica e magica atmosfera medievale
Per tutti i pellegrini sulla Via Francigena che alloggeranno a L’Antico Pozzo abbiamo dedicato uno sconto esclusivo del 10% fruibile al momento della prenotazione. Vi aspettiamo!

https://www.viefrancigene.org/it/resource/accomodation/4519/

Categorie
news-fr-import

#Arianuova, plus nous marchons, plus nous plantons des arbres

Psicoatleti ASD, une association sportive de marche et de randonnée fondée par l’écrivain Enrico Brizzi, lance un nouveau projet appelé #Arianuova en lien avec la Via Francigena.

Les membres de l’association vont acheter et planter 500 nouveaux arbres le long de la Via Francigena pour reboiser l’une des régions les plus polluées et les plus anthropisées d’Italie : la vallée du Pô.

Les futurs pèlerins sur ce tronçon du chemin trouveront des arbres qui rafraîchissent et filtrent l’air, absorbant la pollution et restituant jusqu’à 500 tonnes d’oxygène par an.

Le projet, qui sera entièrement financé par une opération de financement participatif via la plateforme Ginger, est parrainé par l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena, et réalisé en collaboration avec l’association Piantumazione Selvaggia et le partenariat technique de Montura.

Pour plus d’informations et pour télécharger le pdf de cet intéressant projet, rendez-vous sur le site de l’association Psicoatleti ASD.

Le projet comporte trois phases :

1) Avril-août 2020 : définition des objectifs, campagne de communication et partenariat

2) 5-14 septembre 2020 : Gran Fondo Milano-Mare, en voyage à pied de Pavie à Portofino le long de l’ancienne route du sel lombard ; 21 septembre : lancement de la campagne de collecte de fonds

3) Mars 2021 : plantation

Categorie
news-en-import

#ARIANUOVA: the more we walk, the more trees we plant

“Psicoatleti ASD”, sports and walking association founded by a writer Enrico Brizzi, launches a new project called #Arianuova, which intersects with the Via Francigena.

Psicoatleti” will purchase and plant 500 new trees along the Via Francigena to carry out reforestation in one of the most polluted and populated areas in Italy – the Po Valley.

Future pilgrims of that stretch will find many trees that will give refreshment and filter air, absorbing smog and returning up to 500 tons of oxygen per year.

The project, which will be fully funded through a crowdfunding campaign on the Ginger platform, is supported by the European Association of the Via Francigena ways EAVF, and is implemented in collaboration with the Piantumazione Selvaggiaassociation and Montura technical partnership.

For more information about this beautiful project visit the Psicoatleti ASD website.

The project has three phases:

1) April-August 2020: definition of objectives, communication campaign and partnership search;

2) 5-14 September 2020: Gran Fondo Milano-Mare, traveling on foot from Pavia to Portofino along the ancient Lombard salt route; September 21: launch of fundraising campaign;

3) March 2021: planting of the trees. 

Categorie
news-import

#Arianuova, più camminiamo, più alberi piantiamo

Psicoatleti ASD, associazione sportiva di cammini e viaggi a piedi fondata dallo scrittore Enrico Brizzi, lancia un nuovo progetto chiamato #Arianuova che si interseca con la Via Francigena.

Gli Psicoatleti acquisteranno e pianteranno 500 nuovi alberi lungo la Via Francigena per realizzare una riforestazione in una delle zone più inquinate e antropizzate d’Italia: la Pianura Padana.
I pellegrini futuri di quel tratto del cammino troveranno alberi che donano refrigerio e filtrano l’aria, assorbendo smog e restituendo fino a 500 tonnellate di ossigeno all’anno.

Il progetto, che sarà totalmente finanziato con un’operazione di crowdfunding tramite la piattaforma Ginger, è patrocinato dall’Associazione Europea Vie Francigene, e realizzato in collaborazione con l’associazione Piantumazione Selvaggia e la partnership tecnica di Montura.

Per maggiori informazioni e per scaricare il pdf del bellissimo progetto vai al sito degli Psicoatleti

Il progetto prevede tre fasi:

1) aprile-agosto 2020: definizione obiettivi, campagna comunicazione e partnership

2) 5-14 settembre 2020: Gran fondo Milano-Mare, in viaggio a piedi da Pavia a Portofino lungo l’antica via del sale lombarda; 21 settembre: lancio campagna raccolta fondi

3) marzo 2021: piantumazione