Categorie
news-en-import

New pilgrim services at Centro San Lorenzo in Rome

As of 20 June, 2016 the Ad Limina Petri, located at 24 Via Pfeiffer, at the Centro San Lorenzo in Rome, began offering reception services to pilgrims.

Pilgrims on foot or bicycle, arriving in Rome from the pilgrimage routes (The Francigena, the Romea, the paths of Saint Francis etc.) and bearing a credential attesting to having walked the last 100km or cycled 200km, can take advantage of reception services at the centre, located 50 meters from Piazza San Pietro (via Pfeiffer 24, the last street on the left off Via della Concilizazione).

The Cento San Lorenzo is open during the summer from 11:00 to 17:00 every day from Monday to Friday for the following services:

• Collect the official Testimonium of the Basilica

• Get information on accommodation, access to St. Peter’s Basilica and the Holy Door

• Access bathrooms

• Leave the backpacks and bicycles

Categorie
news-import

Nuovo servizio di accoglienza pellegrini presso il Centro San Lorenzo di Roma

Dal 20 giugno 2016 è iniziato il servizio di accoglienza dei pellegrini Ad Limina Petri presso il Centro San Lorenzo di via Pfeiffer 24 in Roma.
I pellegrini, a piedi o in bicicletta, in arrivo a Roma dalle Vie di peregrinazione (Francigena, Romea, Cammini di San Francesco ecc.) e muniti della Credenziale che attesti gli ultimi 100km percorsi a piedi o 200Km percorsi in bici, potranno usufruire dei servizi di accoglienza presso il centro, situato a 50 m da Piazza San Pietro (via Pfeiffer 24, ultima traversa a sinistra di Via della concilizazione).

Il Centro San Lorenzo è aperto per voi durante l’estate dalle 11:00 alle 17:00 ogni giorno dal lunedì al venerdì.

  • Ritirare il Testimonium ufficiale della Basilica
  • Ricevere informazioni sui luoghi di accoglienza, sull’ accesso alla Basilica di San Pietro e la Porta Santa
  • Usufrire di servizi igienici
  • Lasciare in custodia lo zaino e la bicicletta

In allegato depliant con servizi

 

INFO
www.centrosanlorenzo.com
centrosanlorenzo@laity.va 
tel. + 39 06 69885332

Categorie
news-en-import

Cultural Routes of Europe and Accessibility

In light of their positive experiences concerning the Via Francigena and the Camino de Santiago, we have invited two Italian organizations – the Social Cooperative Acca of Aosta and the Association of Free Wheels Lombardy (Varese Somma) to an interesting meeting in Strasbourg, dedicated to the accessibility of Cultural Routes in Europe.

The Aosta Valley delegation attended the meeting in Strasbourg dedicated to the accessibility of Cultural Routes in Europe, June 2016.

A meeting was recently held in Strasbourg organized by the European Institute of European Institute of Cultural Routes, in collaboration with CAST (the Centre for Advanced Studies in Tourism at the University of Bologna) and with the contribution of students in the Degree programme ITALI (International Tourism and Leisure Industries) at the University of Bologna (Rimini Campus), operating within the spheres of the projects Erasmus and Hector.

The meeting was attended by over a hundred people, including twenty-five managers of Cultural Routes which are currently recognized by the Council of Europe, and also representatives of the nine itinerary candidates seeking this important certification.

Through interactive methods and group work, participants addressed issues related to communication (new media, corporate communications, how reach different audiences etc.) and held, among other things, a workshop entitled ‘Cultural Routes of the Council of Europe and accessibility’.

The last meeting addressed the issue of accessibility to the Routes of Europe, and included some organizations from European states, such as the French Braille & Culture Association, the German Via Regia, the British In the Footsteps of Robert Louis Stevenson, and, for Italy, the Cooperativa Sociale Val d’Aosta and the Lombard Association of Free Wheels, selected for their experience in recent years in relation to the Via Francigena and the Cammino di Santiago  di Compostela.

The Via Francigena is the ancient road of the pilgrims going from Canterbury in England – from where Archbishop Sigeric departed for Rome in the tenth century – on through France, Switzerland and Italy, all the way to Rome, continuing on to the Holy Land .

The experimental project referred to as ‘the Via Francigena for everyone’ concerns the implementation of operations on a section of the Aosta Valley of about 2 km, from the Monastery Mater Misericordiae to the Castello di Quart, near the regional capital.

A proposal by the local Lions Club, the initiative has two goals; first, to involve people in  economic difficulty in the necessary work of adapting the route,  and secondly, to implement interventions aimed at improving accessibility , particularly for people with sensory disabilities, mild motor disabilities and people with intellectual disabilities.

For its part , the Cooperative Acca has collaborated the analysis and individualization of the various adjustments (guiding aids, fences, handrails and an audio guide for visitors  with visual impairments or with minor physical disabilities), which are taking place at this time along the Francigena. In addition, also by Acca, and in collaboration with the Association Girotondo of Aosta, the first guide developed in the Region has been published, addressing in particular people with intellectual disabilities.

The Association of Free Wheels of Somma Lombardo (Varese), founded by Peter Scidurlo, has been particularly involved in recent years on the Routes, including the famous, Santiago de Compostela .  Scidurlo , together with Luciano Callegari, has also produced  the Guide to the Camino de Santiago for Everyone, published by Terre di Mezzo, and he now plans to produce one for the Via Francigena.

Drawing from their experiences, the organizations present in Strasbourg were asked to give feedback on projects that have already been realized, or on ones that are currently underway, in order to define a common set of standards on accessibility, but also to identify best practices in disseminating and promoting the routes. It was therefore, a first positive exchange on these issues, based on common interests to maximize the potential of existing assets through accessibility.

Cultural Routes, although they are all very different, they are linked by the same objective, which is to enhance the memory, history and European heritage, highlighting the cultural diversity of each country. This is an integral part of our European heritage and it is therefore, more important than ever that the issue of the use and accessibility also concerns the Routes and cultural aspects related to them, thus moving in the direction of effective participation and equal opportunities for all citizens and highlighting above all, the economic development opportunities related to accessible tourism, which allows an increase in potential participants.

 ( Maria Cosentino and Stefano Borgato )

Source: superando.it

website: http://www.superando.it/2016/07/06/gli-itinerari-culturali-deuropa-e-laccessibilita/

 

Categorie
news-import

Gli Itinerari Culturali d’Europa e l’accessibilità

Alla luce delle loro positive esperienze riguardanti la Via Francigena e il Cammino di Santiago di Compostela, sono state invitate anche due organizzazioni italiane – la Cooperativa Sociale C’era l’Acca di Aosta e l’Associazione Free Wheels di Somma Lombardo (Varese) – a un interessante incontro tenutosi a Strasburgo, dedicato all’accessibilità degli Itinerari Culturali d’Europa

 

Si è tenuto recentemente a Strasburgo un importante incontro organizzato dall’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali (European Institute of Cultural Routes), in collaborazione con il CAST (Centro di Studi Avanzati sul Turismo dell’Università di Bologna) e con il contributo degli studenti del Corso di Laurea ITALI (International Tourism and Leisure Industries) dell’Università di Bologna (Campus di Rimini), operanti nell’àmbito dei progetti continentali Erasmus e Hector.

Durante le giornate di lavoro, cui hanno partecipato oltre cento persone, erano presenti i manager dei venticinque Itinerari Culturali già riconosciuti dal Consiglio d’Europa e i rappresentanti dei nove Cammini candidati anch’essi a questo importante riconoscimento.

Attraverso metodologie interattive e lavori di gruppo, si sono affrontati temi relativi alla comunicazione (nuovi media, comunicazione istituzionale, come arrivare ai diversi tipi di pubblico ecc.) e si è tenuto tra l’altro anche il workshop intitolato Cultural Routes of the Council of Europe and Accessibility (“Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa e accessibilità”).

Per affrontare dunque in quest’ultimo incontro il tema dell’accessibilità nell’àmbito dei Cammini d’Europa, sono state invitate alcune organizzazioni provenienti da alcuni Stati europei, come la francese Association Braille & Culture, la tedesca Via Regia, la britannica In th Footsteps of Robert Louis Stevenson e, per il nostro Paese, la Cooperativa Sociale valdostana C’era l’Acca e l’Associazione lombarda Free Wheels, selezionate per le loro esperienze svolte in questi ultimi anni relativamente alla Via Francigena e al Cammino di Santiago di Compostela, come riferito a suo tempo anche su queste stesse pagine.

La Via Francigena, lo ricordiamo, è l’antica strada dei pellegrini che, avviandosi da Canterbury in Inghilterra – da dove ne partì nel X Secolo l’Arcivescovo Sigerico – attraversa la Francia, la Svizzera e l’Italia, per arrivare fino a Roma e poi proseguire fino alla Terra Santa.

Nella fattispecie, il progetto sperimentale cui si fa riferimento si chiama Via Francigena per tutti e riguarda la realizzazione di interventi su un tratto della Valle d’Aosta di circa 2 chilometri, dal Monastero Mater Misericordiae al Castello di Quart, nei pressi del capoluogo della Regione.

Proposta dai Lions Club locali, l’iniziativa ha un duplice obiettivo e ricaduta, ovvero da una parte coinvolgere nei lavori di adeguamento persone in difficoltà economica, dall’altra realizzare interventi finalizzati al miglioramento della fruibilità, in particolare per persone con disabilità sensoriale, lieve disabilità motoria e persone con disabilità intellettiva.

Dal canto suo, la Cooperativa C’era l’Acca ha collaborato all’analisi e all’individuazione dei diversi adeguamenti (elementi guida, staccionate, corrimano e un’audioguida a supporto della visita di persone con disabilità visiva o con lievi disabilità motorie), che si stanno realizzando proprio in questo periodo lungo il percorso. Inoltre, sempre C’era l’Acca, in collaborazione con l’Associazione Girotondo, anch’essa di Aosta, sta terminando la prima guida elaborata nella Regione ad alta comprensibilità, indirizzata soprattutto a persone con disabilità intellettiva.

Per l’esperienza, invece, dell’Associazione Free Wheels di Somma Lombardo (Varese), fondata da Pietro Scidurlo e particolarmente impegnata in questi ultimi anni proprio sui Cammini, bisogna fare riferimento a quello, celeberrimo, di Santiago di Compostela, vale a dire il lungo percorso che i pellegrini intraprendono fin dal Medioevo, attraverso la Francia e la Spagna, per giungere al Santuario della città iberica presso cui vi sarebbe la tomba dell’apostolo Giacomo il Maggiore.

Su di esso, lo stesso Scidurlo, insieme a Luciano Callegari, ha realizzato la Guida al Cammino di Santiago per tutti, edita da Terre di Mezzo, e ora intende farlo anche per la Via Francigena.

Partendo dunque dalle esperienze delle organizzazioni presenti a Strasburgo, è stato chiesto loro di condividere quelle già realizzate o in fase di realizzazione con i manager dei diversi Itinerari, per arrivare a definire una serie di standard comuni sull’accessibilità, ma soprattutto per individuare buone prassi da diffondere e promuovere. Si è trattato quindi di un primo positivo confronto su questi temi, basato sull’interesse comune di qualificare maggiormente il patrimonio esistente attraverso la chiave dell’accessibilità.

Gli Itinerari Culturali, del resto, anche se molto diversi fra loro, sono legati da uno stesso obiettivo, che è quello di valorizzare la memoria, la storia e il patrimonio europeo, mettendo in evidenza le diversità culturali di ogni Paese. Tutto ciò è parte integrante del nostro patrimonio europeo ed è quindi quanto mai importante che il tema della fruizione e dell’accessibilità riguardi anche i Cammini e gli aspetti culturali ad essi collegati, operando così nella direzione dell’effettiva partecipazione e pari opportunità per tutti i cittadini ed evidenziando – ciò che non è da meno – l’opportunità di sviluppo economico connessa al turismo accessibile, che permette di accrescere, qualificare e diversificare l’offerta complessiva.

(Maria Cosentino and Stefano Borgato)

Da: Superando.it

sito: http://www.superando.it/2016/07/06/gli-itinerari-culturali-deuropa-e-laccessibilita/

Categorie
news-fr-import

Comment revenir de Rome avec votre vélo via les transports en commun ?

Comment revenir de Rome avec votre vélo via les transports en commun ?

Il y a quatre possibilités :

1. Les trains rapides ou les trains de longues distances, avec l’obligation de démonter le vélo, le mettre dans un sac de transport respectant les dimensions maximales permises par le réglement des compagnies (dans l’exemple de Trenitalia : 80 x 110 x 40 cm) et le charger dans le compartiment à bagages, en espérant que l’ouverture soit assez large et que le train ne soit pas trop bondé. Sinon, tes tensions pourraient se créer entre vous et le contrôleur ou les autres voyageurs. Vous pouvez trouver plus d’informations sur le site de Trenitalia.

2. Si vous ne souhaitez pas démonter votre vélo, vous pouvez utiliser les train régionaux avec le compartiment dédié au transport des vélos, en payant un supplément spécifique. Si vous voyagez sur une longue distance, vous serez obligé de changer plusieurs fois de train, par exemple pour aller de Rome à Milan vous aurez une correspondance à Florence, Prato et Bologne.

3. Vous pouvez voyager avec un bus au long court, tel que Flixbus, en choisissant un ticket avec l’option “bagage volumineux” et en emballant bien le vélo (par exemple avec le plastique à bulles et du ruban adhésif) ou en le mettant dans un sac.

4. La dernière option est l’avion. Toutes les compagnies acceptent généralement le transport de vélos correctement emballés. Pour plus de détails, renseignez-vous directement sur les sites des compagnies aériennes.

Categorie
news-en-import

How to come back from Rome with your bike by public transportation?

How is it possible to come back from Rome once ended the bike travel along the Via Francigena?

There are four possibilities:

1. High speed or long distance trains, with the obligation to dismantle the bicycle, put it inside of a transportation bag with maximum dimensions permitted by the guidelines (for example for what it may concern Trenitalia: 80 x 110 x 40 cm) and charghe it into the luggage compartment, praying that the opening is big enough and that the train is not too crowded; otherwise it might happen unpleasant discussions with the ticket inspector or with the others travellers. You can find more informations on the Trenitalia website.

2. If you do not want to dismantle your bike. you can use the regional trains with the apposite compartment dedicated to bicycle transportation, paying the specific additional cost. If it is a long distance travel you will be forced to change several times the train, for example from Rome to Milan it is necessary to change train in Florence, Prato and Bologna.

3. You can travel with a long distance autobus, such as Flixbusintegrating the ticket with the option “bulky baggage” and properly packing the bicycle (for example with the bubble wrap and adhesive tape) or inserting it into a bag. 

 4. The last option is the plane. Usually all the Airlines allow the bicycle transportation, adequately packed. For more details check the website of every specific Airline.

 

 

Categorie
news-import

Come tornare da Roma con i mezzi pubblici con la bicicletta

Come si torna a casa con la bicicletta da Roma dopo aver terminato il viaggio sulla CicloVia Francigena?

Ci sono quattro possibilità:

1. Per utilizzare treni ad Alta Velocità o a lunga percorrenza è obbligatorio smontare la bicicletta, inserirla all’interno di una borsa da trasporto delle dimensioni massime ammesse dal regolamento (per Trenitalia 80 x 110 x 40 cm) e caricarla nel vano bagagli, sperando che sia abbastanza capiente da ospitare una sacca così ingombrante e che il treno non sia troppo affollato; in caso contrario potrebbero nascere spiacevoli discussioni con il controllore o con i vostri compagni di viaggio. Potete trovare maggiori informazioni sul sito Trenitalia.

2. Se non volete smontare la bicicletta potete utilizzare treni regionali con scompartimento dedicato alle biciclette, pagando l’apposito supplemento. Se il viaggio è lungo sarete costretti a vari cambi, ad esempio da Roma a Milano si cambia a Firenze, Prato, Bologna, un lungo viaggio. 

3. Potete viaggiare su un autobus a lunga percorrenza Flixbus, integrando il biglietto con l’opzione “bagaglio ingombrante” e imballando adeguatamente la bicicletta (ad esempio con pluriball e nastro adesivo) o inserendola in una borsa.

4. L’ultima opzione è l’aereo. Normalmente tutte le compagnie aeree consentono il trasporto di una bicicletta, adeguatamente imballata. Per maggiori dettagli consultate i siti delle varie compagnie.

 

Categorie
news-en-import

Round table on the theme of religious tourism

After the latest agreement between the Region Emilia-Romagna and the Episcopal Conference Emilia-Romagna, it has been decided to establish a permanent round table on the theme of religious tourism. Tomorrow the new workgroup, to which the European Association of the Vie Francigene takes part, will take office in Bologna.

The aim of the project is to start a round table on the theme of religious tourism, where to give value to the aspects concerning the construction of the product and its enhancement and promotion. a particular consideration will be given to the aspects concerning the development of the segment at a national and international level.

 

The table gives particular relevance to the theme of the participation of institutions and local communities, of Dioceses and tourism businesses, in order to achieve the following goals:

– exchange of information;

– creation of a network of representatives;

– collection of informative material;

– monitoring of the roads and the pilgrimage paths;

– realisation of focused and shared promo-communicational actions, which are coherent with the guidelines in the tourist field of the region Emilia-Romagna and with the spirit of the Commission for the CEER’s Pastoral of Tourism.

Categorie
news-import

Tavolo di confronto sulle tematiche del turismo religioso

A seguito del recente accordo tra la Regione Emilia-Romagna e  la Conferenza Episcopale Emilia Romagna per l’istituzione di un Tavolo permanente di confronto in materia di turismo religioso, domani a Bologna si insedia il gruppo di lavoro al quale partecipa l’Associazione Europea delle Vie Francigene.

Obiettivo del progetto è quello di avviare un tavolo di confronto sulle tematiche del turismo religioso, nel  quale valutare gli aspetti relativi alla costruzione del prodotto ed alla sua valorizzazione e promozione, con particolare riguardo agli aspetti inerenti lo sviluppo del segmento a livello nazionale ed internazionale.

Il tavolo pone poi particolare attenzione alle tematiche che riguardano il  coinvolgimento degli enti e delle comunità locali, delle Diocesi e delle imprese del turismo per raggiungere i seguenti obiettivi:

-scambio di informazioni;

-creazione di una rete di referenti;

-raccolta di materiali informativi;

-monitoraggio delle vie e dei cammini di pellegrinaggio;

-realizzazione di azioni di promo-comunicazione mirate e condivise, coerenti con le linee guida in ambito turistico della Regione Emilia-Romagna e lo spirito della Commissione per la Pastorale del Turismo della CEER.