Categorie
news-fr-import

XV années d’AEVF dans les pages de la revue « Via Francigena and the European Cultural Routes »

A l’occasion de la célébration des XV ans de l’Association Européenne des Vie Francigene, une publication spéciale sortira le 30 avril, qui recueillera 44 articles et interview apparus sur les revues « Corriere Romeo » et « Via Francigena and the European Cultural Routes » durant les 15 ans de vie d’ « AEVF », dont la fondation a eu lieu le 7 avril 2001 à Fidenza.

Le choix des articles est divisé en quatre aires thématiques : Europe, Dialogue interreligieux/Culture, Etapes historiques, Institutions. Ces pages constituent un résumé intéressant des 15 premières années de l’Association Européenne, réseau porteur de la Via Francigena pour le Conseil de l’Europe, et beaucoup de visages vous apparaissent, connus ou moins connus, qui ont contribué durant ces années à faire la Francigena. Tous les numéros de la revue sont téléchargeables gratuitement sur le site www.rivistaviafrancigena.it

Le Président Massimo Tedeschi : «En 2001, le « Corriere Romeo » publia un article rendant compte de la constitution de notre Association et du projet que l’on proposait de réaliser. A beaucoup, cela sembla une utopie. Utopie qui pourtant se réalisa. Et 15 ans plus tard, en relisant cet article, on comprend le pourquoi : nous retrouvons la fierté du travail commun, souvent à contrecourant, mais clairvoyant et déterminé qui nous a amené de grands résultats.

Nous avons œuvré, développé des projets, accompagné des institutions, dialogué avec des associations, créé des opportunités de travail. La revue, devenue elle-même trilingue, nous a ponctuellement accompagnés en montrant comment une Association de communes de provinces a été capable de devenir influente au niveau européen.

La croissance de l’Association représente de manière tangible la croissance d’une idée qui est en train de fédérer beaucoup de territoires au partage d’un projet qui plonge ses racines dans le passé et qui veut donner des fruits aujourd’hui et demain.

Au 15ème anniversaire de la fondation de l’Association Européenne, il est juste de rappeler les points nodaux de notre histoire associative, à travers les pages d’une revuequi avec passion  et enthousiasme continue de nous suivre. Un chaleureux remerciement aux éditeurs du Studio Guidotti et à l’équipe hautement professionnel d’AEVF, engagés durant ces années à développer Association et revue. »

Categorie
news-import

XV anni dell’AEVF nelle pagine della rivista “Via Francigena and the European Cultural Routes”

In uscita il 30 aprile, in occasione delle celebrazioni dei XV anni dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, una pubblicazione speciale che raccoglie 44 articoli ed interviste apparsi sulle riviste “Corriere Romeo” e “Via Francigena and the European Cultural Routes” nei 15 anni di vita della “AEVF”, la cui fondazione è avvenuta il 7 aprile 2001 a Fidenza.

La scelta degli articoli è suddivisa in quattro aree tematiche: Europa, Dialogo interreligioso/Cultura, Tappe storiche, Istituzioni. Si tratta di pagine che  costituiscono un interessante sunto dei primi 15 anni dell’Associazione Europea, reseau porteur della Via Francigena per il Consiglio d’Europa, e vi appaiono molti volti, noti e meno noti, che in questi anni hanno contribuito a fare la Francigena. Tutti i numeri della rivista sono scaricabili gratuitamente sul sito www.rivistaviafrancigena.it

Il Presidente Massimo Tedeschi: “Nel 2001 il “Corriere Romeo” pubblicò un articolo in cui si diede conto della costituzione della nostra Associazione e del progetto che si proponeva di realizzare. A molti parve allora utopia. Un’utopia che però ha trovato realizzazione. E rileggendo, a distanza di 15 anni, quell’articolo, non si può non ritrovare l’orgoglio del lavoro comune, talvolta controcorrente, ma lungimirante e determinato che ha portato lusinghieri risultati.

Abbiamo profuso impegno, sviluppato progetti, accompagnato istituzioni, dialogato con associazioni, creato opportunità di lavoro. La rivista, divenuta essa stessa trilingue, ha puntualmente accompagnato la vita associativa mostrando come un’Associazione di comuni di provincia sia stata in grado di diventare autorevole a livello europeo.

La crescita dell’Associazione rappresenta in modo tangibile la crescita di un’idea che sta trascinando tanti territori alla condivisione di un progetto che affonda le radici nel passato e vuol dare i propri frutti oggi e domani.

Nel quindicesimo anniversario della fondazione dell’Associazione Europea è giusto ricordare i punti nodali nella nostra storia attraverso le pagine di una rivista che con passione ed entusiasmo continua a seguirci. Un caloroso ringraziamento va agli editori dello Studio Guidotti e allo staff altamente professionale di AEVF impegnato in questi anni a far crescere Associazione e rivista.”

Categorie
news-fr-import

La Francigena, en marche sur le web. Boom de visiteurs !

Le nombre de contacts des pèlerins « virtuels » et de la community  qui peuplent le web est en forte augmentation: en rapport à la même période en 2015, les premiers mois de l’année ont enregistré une augmentation des visites de plus de 30% pour les pages web du site officiel, et surtout plus 130% sur les pages du site Visit Vie Francigene, dédié à la promotion des structures d’accueil.

Le site www.viefrancigene.org, portail officiel de la Via Francigena, voit augmenter en continu le nombre de visite, avec une augmentation moyenne du temps de permanence sur les pages visitées. 2015 s’est finie avec plus de 500.000 visites sur le site web et presque 200.000 visites sur le site Visit Vie Francigene. Des chiffres très significatifs qui se sont multipliés durant la période estival.

2016, grâce au Jubilé et à l’année des Chemins, voit une explosion des contacts sur le portail web : juste dans les 3 premiers mois de l’année, nous avons dépassé les 150.000 visiteurs sur le site et presque 70.000 sur Visit.

Une forte augmentation des followers sur les réseaux sociaux, de Twitter à Instagram, jusqu’aux pages Facebook (15.000 followers pour la page Visit ; 1.500 sur la page institutionnelle) qui rejoignent chaque mois plus de 120.000 personnes grâce aux community qui suivent en réseau.

En 2016, on prévoit également une forte augmentation des marcheurs et des pèlerins, entre Canterburry, Rome et les Pouilles. Les pèlerins modernes comptent de plus en plus sur les nouvelles technologies et trouvent sur le web un important instrument de communication, de mise à jour, d’informations.

Une des sections les plus visitées est celle de l’hébergement, à travers le simple document pdf qui liste et tient à jour les structures d’accueil (divisées en plusieurs catégories), celle du parcours (à pied ou à vélo), celle avec les cartes de l’itinéraire. Le portail web s’enrichit chaque jour d’évènements, d’informations, de news, de photographies.

Dans la section Visit, il est possible de trouver des informations sur les voyages et les chemins organisés (demande en forte augmentation), objets, APP et « crédenciales » (passeport du pèlerin) pour se mettre en chemin.

Une section spécifique pour les pèlerins a été créé sur le site, avec des informations détaillées sur le parcours.

Certaines sections importantes à souligner :

  1. « Les carnets de voyages des marcheurs francigeni », espaces réservés à la découverte de nouveaux tronçons du parcours.
  2. « La Via Francigena du Sud », itinéraire de Rome jusqu’aux Pouilles.
  3. La revue “Via Francigena and the pilgrimage ways” instrument éditorial trilingue où vous pouvez trouver tous les anciens numéros téléchargeables gratuitement.
  4. Blog dédié aux interview avec des personnages liés à la Francigena.

Le site, trilingue, met à disposition les informations en italien, en français et en anglais. Un instrument précieux qui continue de croitre grâce à tous les utilisateurs de la Francigena.

Categorie
news-import

La Francigena, in cammino sul web. Boom di visitatori!

In forte aumento il numero di contatti dei pellegrini “virtuali” e della community che popolano il web: rispetto allo stesso periodo del 2015 i primi mesi dell’anno hanno registrato un incremento di oltre 30% delle pagine web del sito ufficiale, e soprattutto un 130% in più sulle pagine del sito Visit Vie Francigene, dedicato alla promozione delle strutture d’accoglienza.

Il sito www.viefrancigene.org, portale ufficiale della Via Francigena, sta continuando ad aumentare il numero di visite, con incremento medio del tempo di permanenza sulle pagine visitate. Il 2015 si è chiuso con oltre 500.000 visite al sito web e quasi 200.000 visite al sito Visit Vie Francigene. Numeri molto significativi che si sono moltiplicati nel periodo estivo.

Il 2016, anche sulla scia del Giubileo e dell’Anno dei Cammini, vede un ulteriore boom di contatti sul portale web: solo nei primi tre mesi dell’anno sono stati superati i 150.000 visitatori sul sito e quasi 70.000 sul Visit.

In forte aumento i follower sugli strumenti social, da twitter ad Instagram, fino alle pagine facebook (15.000 followers pagina Visit; 1.500 pagina istituzionale) che raggiungono mensilmente oltre 120.000 persone grazie alle community che seguono in rete.

Nel 2016 si prevede anche un forte incremento di camminatori e pellegrini, tra Canterbury, Roma e Puglia. I moderni viandanti sempre di più si affidano alle nuove tecnologie e trovano nel web un importante strumento di comunicazione, aggiornamento, informazione.

Una delle sezioni più visitate è quella dell’ospitalità, attraverso il semplice file pdf che elenca in modo aggiornato le strutture ricettive (suddivise in diverse categorie), quella del percorso (a piedi e in bicicletta), quella con le mappe dell’itinerario. Il portale web si arricchisce ogni giorno di eventi, informazioni, news, fotografie.

Nella sezione Visit è inoltre possibile trovare informazioni su viaggi e cammini organizzati (richiesta in forte aumento), oggettistica, APP e credenziali per mettersi in cammino

Sul sito è stata creata una specifica sezione per i pellegrini, con informazioni dettagliate sul percorso

Da sottolineare alcune importanti sezioni:

1. “I diari di viaggio dei cammini francigeni”, spazi riservati alla scoperta di nuovi suggestivi tratti del percorso.

2. “La Via Francigena del Sud”, itinerario che da Roma si snoda fino alla Puglia.

3. La Rivista “Via Francigena and the pilgrimage ways” strumento editoriale trilingue dove potete trovare tutti i numeri arretrati scaricabili gratuitamente.

4. Blog dedicato alle interviste con personaggi legati alla Francigena

Il sito, trilingue, mette a disposizione le informazioni in italiano, francese e inglese. Uno strumento prezioso che continua a crescere grazie a tutti i fruitori della Francigena.

Categorie
news-fr-import

Via Francigena, Pas à Pas 2016

12 mars 2016: un après-midi sous le soleil et 310 marcheurs, inespéré vu le temps des derniers jours, neige, froid, vent ! Les maires, en véritables professionnels, ont joué le jeu pour le grand bonheur des marcheurs.

Une belle balade sur les pelouses des Monts de Gy, où poussent des orchidées sauvages à profusion, les anciennes et nouvelles plantations de vignes et bien sûr les futaies des ‘Monts de Gy’ aux bois de qualité. Passage près d’anciens sites de mines de fer, de carrières de pierre, quand on sait que celle-ci  partait à Paris pour construire des édifices à la fin du 19ème siècle, et la ferme isolée des ‘Combes’. Les passations de bourdons au  nombre de 4 sur les communes de Frasne le château au départ par Mr Gilbert Pescayre, Pt de l’Association des Chemins de Compostelle et de Rome en Bourgogne et Franche-Comté à Mme Marie Grenier, 1 ère adjointe qui a apporté le bourdon de Rome à Grachaux
commune de Oiselay-Grachaux 3,5 km plus loin pour le transmettre à Mr Christophe Ramseyer maire du lieu. A cet endroit la Via  Francigena chemine sur quelques kilomètres avec le chemin de Compostelle Thann-Cluny venant du Lauterbourg, tout un symbole !

Mr Ramseyer a convoyé le bourdon aux Malbuissons, hameau de Villers-Chemin et de Velleclaire, leurs limites cadastrales étant très proches. Double passation-transmission à Mr Francis Billotte maire de la commune de Villers-Chemin qui l’a transmis à Mr Emmanuel Baudier maire de Velleclaire. Ce hameau a connu l’épopée du fer et du charbon de bois du XVI ème au XIX ème siècle qui alimentaient  les hauts-fourneaux de Haute-Saône (environ 500 pour près de 1 000 000 de tonnes de fonte en 1800). Un buffet-buvette a requinqué les marcheurs, puis MM Baudier et Billotte ont conduit ensemble la marche au chemin ‘de Folle’ lieu de passation à la
commune de Bucey les Gy. Mr Ney son premier magistrat nous a accueillis et conduits au hameau de ‘Roche’ sur les bords de la Morthe.

Les marcheurs ont apprécié l’architecture du lieu et l’ensemble de son patrimoine bâti énorme. Arrêt rapide au nouveau gîte jacquaire qui sera inauguré en mai prochain. Rien ne manque, les pèlerins de St-Jacques vont apprécier. La randonnée du jour a conclu son parcours au pied de l’église St-Martin où, après les discours des autorités et remerciements aux valeureux marcheurs, un buffet a régalé les participants ainsi qu’un marché du terroir local avec de délicieux escargots, vins des coteaux de Gy, confitures, jus de fruits, cidre, terrines, miel, etc.… des productions biologiques locales authentiques. La jeune chorale de Bucey les Gy a ravi les  oreilles et les coeurs d’un nombreux public rapidement conquis, dans le magnifique cadre de l’église Saint-Martin.

La journée s’est terminée autour d’un savoureux couscous royal réunissant une centaine de convives à la salle des fêtes . Il est à noter que le repas a été confectionné par l’association locale ‘Patrimoine et Environnement’ de Bucey les Gy.
Un grand merci aux bénévoles qui ont contribué à la belle conclusion de cette ‘Via Francigena Pas à Pas’ 2016.

Nous avons vécu un grand moment de convivialité et d’échange, le diaporama en boucle remémorant à chacun l’épopée du jour. Un grand merci à la Communauté de Communes des Monts de Gy, aux communes citées plus avant, à leurs maires qui ont captivé les participants avec l’histoire de leur village. Merci à l’Office du Tourisme qui a parfaitement géré l’ensemble de l’intendance, inscriptions, transport, animation, repas, etc.… en liaison avec la commune de Bucey les Gy, dont le maire s’est dépensé sans compter.

Merci à nos amis suisses, italiens, alsaciens, champenois, bourguignons, hauts-marnais, vosgiens, jurassiens et j’en oublie, de votre venue, cela fait chaud au coeur de notre association jacquaire et romieuse. Un autre grand merci à l’équipe sécurité de l’ACCR-BFC qui a parfaitement maitrisé les traversées de route et l’ensemble de la randonnée.
Bravo à tous et encore merci, vous êtes le carburant de la Via Francigena.
Cette 5 ème édition en appelle une nouvelle pour 2017 qui va nous amener vous et nous à Cussey sur l’Ognon LXème étape du moine Sigéric à son retour de Rome en 990. Retenez bien la date et ce n’est pas une blague, Samedi 1er avril 2017.

Jacques GUY

Categorie
news-import

Via Francigena, Pas à Pas 2016

12 marzo 2016: l’esperienza “Pas à Pas”, in cammino con oltre 300 persone nella Franche-Comté alla scoperta della Via Francigena

L’infaticabile pellegrino Jacques Guy descrive l’esperienza di condivisione duranta la tradizionale marcia popolare sulla Francigena. In allegato il documento, all’interno del quale è possibile consocere le iniziative dell’attiva Association des Chemins de Compostelle et de Rome en Bourgogne Franche Comté

Categorie
news-import

CicloVia Francigena per tutti

Ottocento chilometri, in quattordici tappe, in due settimane. È questo il primo traguardo che Pietro Scidurlo con la sua hand-bike e i suoi compagni di viaggio senza automezzi di supporto si apprestano a raggiungere pedalando lungo la Via Francigena per fare una fotografia della situazione attuale vista attraverso gli occhi di una persona con esigenze speciali. Il viaggio fa tappa il 29 Marzo a Piacenza.

Un progetto che non poteva trovare cornice migliore dell’anno del Giubileo della Misericordia, per rendere uno degli itinerari slow più importanti d’Europa un vero e proprio cammino dell’accoglienza aperto a tutti. L’iniziativa è promossa da Free Wheel Onlus e dall’intergruppo parlamentare “Amici della Via Francigena”, i cui membri partecipano alla staffetta nei vari territori attraversati dal cammino di Pietro Scidurlo.

Obiettivo: rendere accessibile a tutti uno dei più importanti cammini d’Europa

Pietro Scidurlo vuole studiare il percorso della Francigena per suggerire valide soluzioni, anche tecnologiche, alle varie difficoltà che possono incontrare i camminatori “speciali”: dagli ostacoli lungo il tracciato, alle strutture ricettive, dalle esigenze fisiche a quelle alimentari. Pietro ha intrapreso questo progetto con la sua associazione Free Wheels onlus, il cui obiettivo è pensare a un cammino aperto e accessibile davvero a tutte le persone con esigenze speciali come i disabili motori, sensoriali o cognitivi, a persone soggette a dialisi o che fanno più fatica nel trasporto del peso, celiaci, diabetici gravi, ma anche persone che si muovono con figli in tenera età o animali al seguito. Un progetto ambizioso che Pietro ha voluto avviare forte dell’esperienza già condotta con la guida Santiago per tutti di Terre di Mezzo Editore, studiata per rendere il Cammino di Santiago di Compostela accessibile a tutti.

 “Vorrei una Francigena più attenta, consapevole e critica, che tutte le persone possano vivere indipendentemente dal modo di in cui si muovono – spiega Pietro Scidurlo – Mi piacerebbe che in Italia, come succede in Spagna, si facilitasse l’apertura di accoglienze lungo gli itinerari culturali per tutti coloro che scelgono di visitare il Belpaese. Arrivando a Pavia…

Il cammino di Free Wheels parte da Somma Lombardo lunedì 28 marzo e fa tappa a Pavia, Piacenza, Medesano (PR), Berceto (PR), Aulla (MS), Pietrasanta (LU), Lucca, Gambassi (FI), Siena, San Quirico (SI), Acquapendente (VT), Viterbo, Formello (RM), per concludersi a Roma domenica 10 aprile. I parlamentari coinvolti nella staffetta sul territorio sono Chiara Scuvera per la provincia di Pavia, Marco Bergonzi per Piacenza, Raffaella Mariani per Lucca, Susanna Cenni per Siena, Alessandra Terrosi per Viterbo, Stella Bianchi per Roma.

“Siamo particolarmente lieti di promuovere l’iniziativa di Free Wheels – spiega Stella Bianchi membro dell’Intergruppo via Francigena – perché crediamo che i cammini, e la via Francigena prima fra tutti, siano un’occasione di sviluppo per il Paese. Sono questi i turismi di cui ha bisogno l’Italia, sostenibili per l’ambiente, aperti e accessibili a tutti, inclusivi. La crescita economica e culturale del nostro paese passa anche da qui, attraverso lo sviluppo di strutture ricettive adeguate e la mappatura dei percorsi. L’Italia diventerà più ricca e non solo in termini economici se saprà accogliere quanti vogliono fare un’esperienza sui cammini storici, come forma di turismo consapevole e occasione di sviluppo anche per i nostri splendidi borghi storici, anche quelli ancora lontani dal turismo di massa”.

Categorie
news-import

La Via Francigena, il cammino storico diventa accessibile

L’iniziativa di Free Wheels presentata insieme all’intergruppo parlamentare Via Francigena. A Pasquetta parte il viaggio di Free Wheels: obiettivo creare un itinerario ed accoglienze per una Franciugena aperta a tutti.

Roma, 25 marzo 2016 – Ottocentotrenta chilometri, in quattordici tappe, in due settimane. E’ questo il primo traguardo che Pietro Scidurlo con la sua hand-bike e i suoi compagni di viaggio senza automezzi di supporto si apprestano a raggiungere pedalando lungo la Via Francigena per fare una fotografia della situazione attuale vista attraverso gli occhi di una persona con esigenze speciali. Un progetto che non poteva trovare cornice migliore dell’anno del Giubileo della Misericordia e nell’Anno dei Cammini promosso dal ministro Franceschini, per rendere uno degli itinerari storici più importanti d’Europa un vero e proprio cammino dell’accoglienza aperto a tutti.

L’iniziativa è stata lanciata oggi  dai parlamentari dell’intergruppo “Via Francigena” che faranno un po’ da sostenitori e un po’ da testimonial nei vari territori attraversati dal cammino di Free Wheels.

“Siamo particolarmente lieti di promuovere l’iniziativa di Free Wheels”, spiega Stella Bianchi, membro dell’Intergruppo parlamentare Via Francigena,  “perché crediamo che i cammini, e la Via Francigena prima fra tutti, siano un’occasione di sviluppo per il Paese. Sono questi i turismi di cui ha bisogno l’Italia, sostenibili per l’ambiente, aperti e accessibili a tutti, inclusivi. La crescita economica e culturale del nostro paese passa anche da qui, attraverso lo sviluppo di strutture ricettive adeguate e la mappatura dei percorsi. L’Italia diventerà più ricca e non solo in termini economici se saprà accogliere quanti vogliono fare un’esperienza sui cammini storici, come forma di turismo consapevole e occasione di sviluppo anche per i nostri splendidi borghi storici, anche quelli ancora lontani dal turismo di massa. Un valore che aumenta quanto più i cammini sono davvero aperti a tutti, occasione per ognuno di bellezza e di esperienza e crescita personale”.

Forte dell’esperienza già condotta con la guida “Santiago per tutti” di Terre di Mezzo Editore, studiata per rendere il Cammino di Santiago di Compostela accessibile a tutti, Pietro Scidurlo con la sua associazione Free Wheels studierà il percorso della Francigena – un cammino che secondo le stime dell’Associazione Europea Vie Francigena nel 2015 è stato percorso da oltre 40 mila persone per più giorni con oltre 350 mila pernottamenti – per suggerire valide soluzioni, anche tecnologiche, alle varie difficoltà: dagli ostacoli lungo il tracciato, alle strutture ricettive, dalle esigenze fisiche a quelle alimentari più adatte a camminatori “speciali”. L’intento, infatti, è pensare a un cammino aperto e accessibile davvero a tutte le persone con esigenze speciali come i disabili motori, sensoriali o cognitivi, a persone soggette a dialisi o che fanno più fatica nel trasporto del peso, celiaci, diabetici gravi, persone che si muovono con figli in tenera età o animali al seguito.

“Vorrei una Francigena più attenta, consapevole e critica in cui tutte le persone, indistintamente dal modo di muoversi possano viverla”, spiega Pietro Scidurlo. “Mi piacerebbe che in Italia, come succede in Spagna, si facilitasse l’apertura di accoglienze lungo gli itinerari culturali per tutti coloro che scelgono di visitare il Belpaese alla scoperta di quella storia in cui i nostri cammini sono immersi, di quella cultura, di quegli usi e costumi di un’Italia che forse non si conosce ancora del tutto o almeno non nei suoi aspetti più autentici.”

Il cammino di Pietro Scidurlo partirà da Somma Lombardo lunedì 28 marzo e farà tappa a Pavia, Piacenza, Medesano (PR), Berceto (PR), Aulla(MS), Pietrasanta (LU), Lucca, Gambassi (FI), Siena, San Quirico (SI), Acquapendente (VT), Viterbo, Formello (RM), per concludersi a Roma domenica 10 aprile. I parlamentari che faranno la staffetta sul territorio saranno Chiara Scuvera per la provincia di Pavia, Marco Bergonzi per Piacenza, Raffaella Mariani per Lucca, Susanna Cenni per Siena, Alessandra Terrosi per Viterbo, Stella Bianchi per Roma.

CLICCA QUI PER VEDERE LA FOTOGALLERY

Media partner: Terre di Mezzo, Radio Francigena, Sloways, Slow Travel Network, Il Movimento Lento, Life in Travel, VareseNews, “Invisibili” del Corriere della Sera, FederTrek, AEVF – Associazione Europea Vie Francigene racconteranno il viaggio dell’allegra brigata.

 

L’Ufficio stampa
Silverback – Greening the communication
Francesca Biffi 333.2164430 f.biffi@silverback.it

Categorie
news-import

Progetto Viandante dalla Tuscia a San Pietro, attivo il trasporto bagagli

Dal 2 marzo 2016 lungo la Via Francigena da Vetralla Roma e lungo le Varianti Cimine è attivo il trasporto bagagli gratuito per tutti i camminatori che ne faranno richiesta con 24 ore di anticipo per i giorni feriali e 48 ore per i giorni festivi.

Il servizio è organizzato dalla Associazione Mediterraid di Campagnano di Roma all’interno delle attività previste dal Progetto Viandante “dalla Tuscia a S.Pietro” finanziato dalla Regione Lazio L.R. 19/2006.

Il servizio è attivo nei seguenti comuni e municipi: Capranica, Sutri, Caprarola, Ronciglione, Carbognano, Nepi, Castel S.Elia, Mazzano, Monterosi, Campagnano, Formello, XV Municipio, XIV Municipio, I Municipio.

Per prenotazioni e informazioni telefonare al +39 3463268871 o scrivere a francigena@mediterraid.it 

Categorie
blog-import

Oggi parliamo di Francigena con Sonia Pallai, assessore al turismo del Comune di Siena

Sonia Pallai, assessore con delega al Turismo del comune di Siena, è fortemente impegnata nel rilancio della Via Francigena. Una realtà, quella della terra senese, molto legata al cammino: un percorso affascinante, messo in sicurezza e ben segnalato , adatto anche alle famiglie con bambini e ragazzi. La città di Siena sta puntando sulla Francigena in tutte le sue dimensioni con progetti legati all’accoglienza, alla promozione, all’infrastruttura per valorizzare l’antico cammino europeo.

1. Il Trekking Urbano a Siena è una esperienza che viene portata avanti con successo da diversi anni dall’amministrazione comunale. Un modo per riscoprire lentamente la splendida città senese attraverso la storia, la cultura e la gastronomia. Da questa iniziativa è nata “#SienaFrancigena, sulle orme dei pellegrini” legata alla “Bisaccia del pellegrino”, un format ormai consolidato che piace a tanti. Queste iniziative verranno riproposte nel 2016?

Sì, #SienaFrancigena nel 2016 si svolgerà ogni domenica mattina dall’1 maggio al 26 giugno in un calendario di visite guidate sul tratto urbano della Via Francigena, passando per uno dei più antichi ospedali d’Europa, il Santa Maria della Scala per concludersi nel tratto sud e terminare all’Orto de’ Pecci, un luogo meraviglioso dietro Piazza del Campo, gestito da una cooperativa sociale, dove si trova un orto medievale con piccole coltivazioni e animali da cortile. Qui ai partecipanti viene consegnata la “Bisaccia del Pellegrino”: un pranzo al sacco a base di prodotti senesi di filiera corta. A pagamento. turismo@comune.siena.it, www.enjoysiena.it

2. #SienaFrancigenaKids, la Via Francigena da raccontare ai bambini ed ai ragazzi. Come è nata questa idea e come è andata la prima esperienza?

L’idea è nata pensando che nessuno aveva lavorato per rendere fruibile la Francigena per il target dei bambini. Naturalmente è impensabile voler far camminare una famiglia con bambini lungo un’intera tratta, i km sono decisamente troppi. Lo stesso nostro #SienaFrancigena è lungo per un bambino e sicuramente i più piccoli lo troverebbero faticoso oltre che noioso. Così, partendo dal presupposto che la Francigena può davvero essere un’esperienza anche formativa per i bambini, e che se raccontata in forma di fiaba, di storia potesse essere divertente ho pensato di trasformare il #SienaFrancigena in #SienaFrancigenaKids dove il linguaggio del racconto è diverso, i km sono un po meno. Ecco che è nato questo trekking urbano sulla Via Francigena dedicato ai bambini. La visita guidata è fatta da uno dei personaggi degli affreschi del Santa Maria della Scala, “Balia Gioconda” che permette ai “piccoli pellegrini” di scoprire storie e aneddoti legati all’accoglienza e al pellegrinaggio, a partire dal racconto teatralizzato e sotto forma di fiaba del Santa Maria della Scala.

Al termine della visita viene offerta la “merenda del pellegrino”, un  sano panino con il prosciutto e a tutti i partecipanti viene consegnato lo zainetto ufficiale di #SienaFrancigenaKids che è anche un simbolo perché i bambini tra quando entrano a quando escono hanno nelle spalle un po’ di cultura in più. Lo abbiamo già messo in calendario ogni sabato pomeriggio dal 10 dicembre 2016 al 25 febbraio 2017 (A pagamento. turismo@comune.siena.it, www.enjoysiena.it)

3. In occasione dell’apertura della Porta Santa a Roma per il Giubileo, l’8 dicembre, avete lanciato la bella iniziativa “In cammino da Siena a Roma” lungo la Francigena. Un pellegrinaggio di 7 giorni come gli antichi viandanti, rivolto a tutti, con il bordone che simbolicamente è stato portato in Vaticano. Un bell’evento promosso da Comune di Sienanell’ambito di Siena Capitale Italiana della Cultura 2015 e realizzato con la collaborazione dell’Associazione Europea delle Vie Francigene e dell’Arcidiocesi di Siena, Colle di Val d’Elsa e Montalcino. Una esperienza di cammino che verrà ripresa in futuro?

#SienaFrancigenaGiubileo è stata un’esperienza davvero unica, partecipata e soprattutto che ci ha permesso di promuovere la Via Francigena in un modo straordinario. Quando siamo arrivati a Roma, in Piazza San Pietro la mattina dell’apertura della Porta Santa c’era così tanta energia nell’aria che voltarsi con il pensiero ai giorni indietro, al giorno in cui eravamo partiti da Siena, ai tanti km percorsi a piedi, emozionava. La nostra storia ha fatto talmente notizia che abbiamo avuto una diretta Rai direttamente da San Pietro nel momento dell’eucarestia di Papa Francesco. In quell’occasione abbiamo riproposto quello che fu il pellegrinaggio che partì da Siena lungo la Via Francigena proprio in occasione del Giubileo straordinario del 1600.

Da questa esperienza è nata “Siena in Cammino”, un calendario di visite guidate ogni fine settimana di Aprile, che il sabato valorizza i percosi giubilari tra il Santa Maria della Scala ed il Duomo e la domenica il cammino lungo la tappa “Siena – Ponte D’Arbia” per una lunghezza di 25,7 km l’evento prende spunto dal cammino fatto dalla Compagnia di Santa Caterina in Fontebranda in occasione del Giubileo del 1600 e ripercorso nel mese di dicembre 2015, da Siena a Roma, in concomitanza con l’apertura della Porta Santa. Ai partecipanti sarà consegnata la Bisaccia del Pellegrino, contenente il pranzo al sacco a base di prodotti tipici. L’evento comprende una guida ambientale e il ritorno in pullman da Ponte D’Arbia, in collaborazione con il Comune di Monteroni D’Arbia. A pagamento, su prenotazione entro le ore 16 del sabato. Costo biglietto 25 euro. Per informazioni e prenotazioni Tel. 347 6137678, 348 0216972, sienasms@c-way.it

4. Siena, città accogliente ed aperta ai pellegrini, ai viandanti, ai turisti che grazie alla Via Francigena vogliono riscoprire città. Quale contributo possono dare a Siena la Via Francigena e questo tipo di “turismo slow”?

Il Trekking Urbano, ogni prodotto, rassegna ed evento legato alla Via Francigena sono esempi perfetti di turismo sostenibile che se organizzati così come abbiamo fatto noi danno la possibilità di raccontare una città d’arte in una chiave nuova, portando le persone a camminare al di là delle vie più battute, a destagionalizzare i flussi turistici perché sono iniziative pensate fuori dai periodi di altissima stagione. Garantiscono la certezza della visita guidata indipendentemente dal numero di partecipanti e quindi diventano prodotti turistici fruibili a tutti gli effetti. Fanno vivere un’esperienza, che è quella del luogo, del viaggio e del cammino. In ogni percorso abbiamo unito la Bisaccia del pellegrino, o la merenda per i bambini, per legare l’aspetto dei prodotti del territorio al percorso di visita.

Chi partecipa a queste iniziative, non ha fretta. E anche il “turista frettoloso” leggendo le nostre esperienze può diventare un “turista lento”, più attento ai dettagli che a collezionare scatti di panorami o Chiese nel minor tempo possibile. Più riusciamo a trasmettere questo messaggio e più lavoriamo per valorizzare il turismo sostenibile.
Come ha detto il Ministro Franceschini “è sulla scia dell’anno del Giubileo che l’Italia deve riscoprire, insieme ai suoi viaggiatori, i suoi cammini”.

Luca Bruschi