Categorie
news-import

I cammini di scoperta della Via Francigena Laziale

Da Febbraio a Giugno si cammina sulla Via Francigena nel Lazio: un ciclo di incontri viandanti per conoscere meglio le tappe laziali dello storico itinerario. La Pro Loco di Formello organizza dieci giornate di cammino, iniziando da Proceno il 17 Febbraio, per terminare il 9 Giugno con l’arrivo a Roma.

La modalità ideale per conoscere realmente un percorso è compierlo in prima persona, meglio ancora se in compagnia di una guida esperta del territorio, in grado di creare una relazione profonda tra chi cammina e la Storia della Via.

Su queste basi la Pro Loco di Formello ha voluto operare concretamente, proponendo una Via Francigena da camminare, da percorrere fisicamente. Le dieci tappe francigene nel Lazio sono distribuite nel corso dei mesi, in un lento avvicinamento alla meta finale, Roma.

La bella iniziativa è stata realizzata in collaborazione con il Comune di Formello, l’Associazione Europea delle Vie Francigene, la Regione Lazio e il Parco di Veio e con il patrocinio dei Comuni di Proceno, Acquapendente, San Lorenzo Nuovo, Bolsena, Montefiascone, Viterbo, Vetralla, Monterosi, Nepi, Campagnano di Roma.

Si prevede una quota di partecipazione di € 10 per la singola giornata di cammino, comprensiva di servizio guida e assicurazione.

Per info e prenotazioni contattare la Pro Loco di Formello: Daniela Pezzola, prolocoformello@libero.it, 333 2930820

In allegato tutte le informazioni utili e il programma delle prossime tappe: La Storta – Roma (Piazza San Pietro) domenica 9 giugno.

Categorie
news-import

Un convegno sulla Via Francigena a Vercelli

Un importante momento di confronto sulla Via Francigena: sabato 9 Marzo l’associazione “Amici della Via Francigena di Vercelli” organizza un seminario per approfondire gli aspetti dello sviluppo dell’itinerario in questo territorio. Nel corso della giornata di convegno interverranno i seguenti relatori:

Dott.ssa Ambra Garancini Presidente nazionale RETE DEI CAMMINI;

Prof. Virginio Bettini, professore di analisi e valutazione ambientale, Università IUAV di Venezia;

Dott.ssa Giulia Motta Zanin, laureata in Pianificazione urbanistica e territoriale;

Prof.ssa Sara Sofia Tosi, antropologa;

Simone Turco, Presidente del CAI di Vercelli.

Per tutte le informazioni e il programma si veda la locandina in allegato.

 

 

 

 

Categorie
news-import

Iniziati i lavori a Monteriggioni per la sicurezza dei pellegrini

A Monteriggioni sono iniziati i lavori per la messa in sicurezza del percorso che collega l’area della Colonna con l’inizio della salita al Castello, l’ultimo tratto che rimaneva da sistemare: i duecento metri prima dell’inizio della salita sterrata che giunge a Porta Fiorentina. Finalmente si potrà camminare tranquillamente, senza rischiare di essere investiti sulla Cassia (fino ad ora si camminava sul bordo stretto della strada). Per attraversare la Statale i pellegrini potranno utilizzare il passaggio zebrato esistente che conduce ad imboccare il nuovo percorso pedonale, lungo circa 220 metri, posto sul lato sinistro della carreggiata.

Il tutto grazie ai fondi europei, gestiti dalla Regione Toscana che investirà circa 60 mila euro per la realizzazione di questo progetto, e grazie alla collaborazione fra Provincia di Siena e Comune di Monteriggioni per la valorizzazione della Via Francigena.

Ecco le parole del sindaco Bruno Valentini a riguardo: “Era un’opera attesa da tempo, perché si conseguono due risultati con un unico progetto. È il completamento della messa in sicurezza del grande itinerario culturale europeo della Francigena, che sta attirando sempre più turisti dall’Italia e dall’estero. Inoltre permetterà finalmente di poter camminare tranquillamente dalla zona della Colonna verso il Castello senza attraversare una strada come la Cassia, che è molto trafficata, la cui carreggiata totale si era ridotta da quando era stata realizzata la barriera di protezione col nuovo guard-rail. Ringrazio ancora una volta i proprietari che hanno concesso i terreni per inserirvi il percorso pedonale e poi la Provincia e la Regione che, con competenze diverse, stanno veramente impegnandosi a fondo per condurre a termine questo grande aspirazione di una Francigena pienamente percorribile, che costituisce una offerta turistica ambientale e culturale di valore straordinario”.

Fonte: www.viefrancigene.it

Categorie
news-import

Via Francigena del Sud: alla scoperta del Cammino per Leuca

Sabato 19 gennaio alle ore 19 si terrà a Novoli un incontro sul tema “Il Cammino per Leuca e antica viabilità nel Sud”.

L’iniziativa è stata organizzata dal direttore del Gruppo Archeologico di Terra d’Otranto, dott. Elvino Politi, con la partecipazione di SpeleoTrekkingSalento, al fine di portare alla conoscenza di Istituzioni e Cittadini quanto realizzato nel Salento dalle Associazioni sulle “Vie fidei”, per la divulgazione e la salvaguardia del patrimonio artistico del territorio. Tutti coloro che sono interessati alla tematica culturale in oggetto sono invitati a partecipare.

Programma:

ELVINO POLITI (direttore Gruppo Archeologico di Terra d’Otranto) L’Itinerario Burdigalense come “itinerario culturale europeo”. Il tracciato e le attività programmatiche 2013.

AMBRA GARANCINI (presidente Rete Nazionale dei Cammini Francigeni) collegamento in videoconferenza Da Roma alla Puglia. Il ruolo della Rete per il coordinamento dei cammini.

RICCARDO RELLA (presidente Speleotrekking Salento) e RITA DE MATTEIS ( referente culturale di STS) Il Cammino Leucadense 2013.- X Edizione Presentazione del Cammino e proiezione del documentario realizzato dall’Associazione Pellegrini di Verona.

Durante la serata sarà curata dall’Associazione Speleotrekking Salento e G.A.T.O. un’ esposizone fotografica sull’ attività svolta e sarà possibile l’acquisto del testo “La Via dei Pellegrini” del prof. Ezio Sarcinella, unico documento relativo all’evoluzione storica del “Cammino per Leuca”.

A tutto il pubblico intervenuto, il G.A.T.O. offrirà un omaggio-ricordo.

L’incontro si terrà presso la Sala della “Madonna del Pane” in via Veglie a Novoli.

In allegato il materiale informativo sul Cammino per Leuca.

 

 

Categorie
news

Rete di Università europee per la Via Francigena e gli itinerari di pellegrinaggio europei

A network which includes specialists in several subjects and fosters multicultural dialogue through scientific research and exchange of best practices, in support of didactic and research activity on the Via Francigena and pilgrimage routes.

With the coordination of Università di Bologna, PER VIAM academic partners implemented a program of 7 workshops and 1 cartographic and photographic exhibition on the Via Francigena and pilgrimage routes. The last workshop announced the official launch of the European University NEtwork of Knowledge (EUNEK) Via Francigena and pilgrimage routes.

The first technical panel of the network took place in Rimini on January 16th 2013.

 

For more information about the European University Network of Knowledge Via Francigena and Pilgrimage routes and the seminars, please see the attached documents at the bottom of this page and visit the following web site:

http://www.turismo.unibo.it/Turismo/Attivita/EUNeK.htm

1st workshop EUNeK

Religious routes and European Universities, Old Cultural Crossroads of Knowledge . A Francigena project from Midle Age, 6th of June 2012, Pavia (Italy) – organized by Università di Pavia.

2nd workshop EUNeK

Pilgrimage Routes as Cultural and Religious Tourism in European and Mediterranean Destinations: Sharing Experiences and Best Practices, Barcelona and Montserrat-Manresa (Catalonia, Spain), 9 – 10th July 2012 – organized by Universitat de Barcelona / Ibertur.

 

3rd workshop EUNeK

The role of the network in the development of the Via Francigena of the south, 16th July 2012, Rome – organized by Società Geografica Italiana.

4th workshop EUNeK

Colloque itinérant dans Paris, à travers trois endroits du « Carré d’Or » de Paris mis en place par l’UFIC, 12th October 2012, Paris – organized by Université Paris Sorbonne.

 

5th workshop

Politics and tools for the enhancement of the tourist destinations along the Via Francigena, 21th November 2012, Lucca and Altopascio (Italy) – organized by Fondazione Campus Studi del Mediterraneo.

 

6th Workshop EUNeK

The Via Francigena in Southern Italy and the routes in the Mediterranean area, Vaste -Poggiardo (LE) organized by Università del Salento, 7th December 2012.

 

7th Final Workshop EUNeK

Tourism and Landscape along the Via Francigena: a persistent network of knowledge for European territorial development, 16th -17th -18th January 2013, Rimini – organized by Università di Bologna. Scuola Superiore di Scienze Turistiche.

 

Pavia workshop

Colloque Paris Routes Culturelles

La Via Francigena nella cartografia storica e nel patrimonio fotografico della società geografica italiana

Lecce workshop

Lucca workshoop

Barcelona workshop

Il ruolo della rete nello sviluppo della Via Francigena del Sud

Rimini workshop

 

 

See the other newsletters

Categorie
news-import

Finanziata la messa in sicurezza di un tratto sulla Cassia

Concesso di nuovo il finanziamento di 500mila euro per la messa in sicurezza di un tratto della via Francigena nel territorio di Montefiascone. Il percorso interessato è la zona del “Ponte della Regina” sulla via Cassia in direzione della città.

L’importo per i lavori da effettuare è di ben 500mila euro concessi dalla Regione Lazio. Il lungo iter è evidenziato dall’assessore alla cultura Renato Trapè da sempre molto sensibile alle tematiche riguardanti la strada dei pellegrini.

“L’amministrazione è stata sempre sensibile allo sviluppo e alla valorizzazione della via Francigena, ritenuta un volano dello sviluppo turistico e culturale della Tuscia. L’intervento in questione riguarda la messa in sicurezza di un tratto dove i pellegrini sono costretti a camminare nella strada asfaltata ex statale Cassia, che collega Bolsena a Montefiascone, una via tra l’altro molto trafficata, anche da mezzi pesanti. Praticamente questo è l’unico tratto dei diciassette chilometri di via Francigena nel Comune di Montefiascone molto pericoloso al transito dei numerosi pellegrini. Ben sedici chilometri si snodano invece in strade sterrate in mezzo alla splendida campagna e quindi con un traffico veicolare molto limitato e il pellegrino è praticamente al sicuro. IIl tratto che sarà interessato dai lavori – continua l’assessore – si estende dal Ponte della Regina, verso Montefiascone. Proprio qui l’amministrazione si è attivata, dopo che questo finanziamento di 500mila euro, era caduto in perenzione a causa del cambio di amministrazione nel 2009 e poi del lungo periodo di commissariamento. L’assessorato all’Ambiente della Regione Lazio ha deciso di riconcedere il finanziamento che servirà per la messa in sicurezza di quel tratto di strada asfaltata che interessa il transito dei pellegrini. Nel dettaglio verrà costruita una pista pedonale e ciclabile che fiancheggerà la strada e sarà protetta da una ringhiera. Così i pellegrini potranno camminare in perfetta sicurezza”.

L’amministrazione comunale ringrazia il responsabile del procedimento il dottor Enrico Mascioli e il direttore generale dell’assessorato regionale l’ingegnere Giuseppe Tanzi per la loro sensibilità e disponibilità. “In tempi molto brevi faremo il bando di gara per la cantierizzazione dei lavori – aggiunge Trapè -. Il progetto esecutivo è già stato approvato”.

Per il 2013 si stanno programmando importanti iniziative comunali che avranno come protagonista proprio la via Francigena. “Abbiamo intenzione – spiega l’assessore – di partecipare alla III edizione del festival della via Francigena (Collective Project) con particolari iniziative che si svolgeranno da giugno a settembre. Inoltre sempre nel 2013 verrà inaugurato il monumento ai pellegrini che sarà ubicato in piazza Urbano V con la fattiva collaborazione della Fondazione Carivit. Stiamo cercando di promuovere il percorso degli ultimi 100 km della via Francigena cioè proprio dalla nostra città di Montefiascone a Roma – conclude Trapè -. Il centesimo chilometro è davanti alla chiesa del Corpus Domini. Vogliamo che questo diventi una caratteristica. Una novità: ogni pellegrino può richiedere all’ufficio turistico di Montefiascone una pergamena che attesti il suo passaggio a Montefiascone in considerazione che l’aver percorso gli ultimi 100 chilometri della via è equiparata ad aver effettuato l’intero cammino della via. La Francigena è una risorsa da sfruttare sempre in maggior misura”.

Fonte: Comune di Montefiascone